OmniAuto.it

7 aprile 2012

In bici contromano: il delirio collettivo con la scusa del mezzo ecologico e buono

Bella bici...

La bici è buona, non inquina, non sporca, non uccide, non consuma carburante. Quindi, la bici ha diritto ad andare contromano, sì, contro le auto e pure contro i Suv, chissenefrega. È una forma di delirio collettivo. Finché sono i ciclisti a chiederlo, è comprensibile. Fanno il loro mestiere. Ma che pure il ministero dei Trasporti vada in tilt è quantomeno bizzarro.

Vediamo. Le bici possono circolare in doppio senso di marcia, secondo un parere dei Trasporti (6234 del 21/12/2011), esprimendosi così a favore della tesi della Fiab (amici bicicletta). Il doppio senso “limitato” è in una strada a doppio senso di marcia con una direzione consentita a tutti e quella opposta solo alle bici. Le condizioni che necessarie per applicare il doppio senso “limitato” sono una larghezza di almeno 4,25 metri, il divieto di transito al traffico pesante e il limite di velocità a 30 km/h o Ztl.

Allora, già adesso l’Italia ha miseramente fallito l’obiettivo dell’Unione europea di dimezzare i morti. Non è bastato il Tutor multaiolo. L’alcol era e resta una piaga della circolazione. In bici, ci sono una marea di pazzi che vanno col cellulare in mano. Ora ci si mette pure il ministero.

È una follia. È un delirio buonista. È un assist per la morte.

In Europa il doppio senso c’è? Che noia. Paragonare Napoli, Caserta, Palermo, e Milano o Torino dove circolano auto dubbie con extracomunitari a bordo e bici impazzite, paragonare le nostre tristi realtà alle metropoli europee, del Nord Europa, e non della nostra Italia sempre più alla deriva verso il Nord Africa, è un’operazione degna del re dei manicomi.

La sicurezza dei ciclisti va tutelata con Leggi certe e pene sicure sia verso chi va in auto sia verso chi la bici non sa usarla. Creare il doppio senso di circolazione è un boomerang pericolosissimo.

di Ezio Notte @ 14:37


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. che vi fa male a voi automolisti che quanto guidate tutto guardate all’infuori che a noi ciclisti volete sempre la precedenza in qualunque caso ci buttate sotto e scappate qualcuno di voi specialmente quelle maledette donne a momenti la macchina se la portano anche a letto su strade che la velocità massima e di 50 km ora andate a 120 km all’ora e cisorpassate a 20 cm dal manubio con quellam velocità.
    HHHHHHHHHHHHHHAAAAAAAAAAAAAAAA finamente si sta muovendo qualcosa

    Commento by abbondio — 8 aprile 2012 @ 10:38

  2. Abbondio, non hai capito un cavolo. È proprio per un discorso di sicurezza che non va introdotto il contromano per le bici.

    Commento by Ezio Notte — 8 aprile 2012 @ 12:24

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.