OmniAuto.it

12 novembre 2011

Incidenti stradali 2010: ora l’Istat ha fatto un’aggiuntina importante

Incidenti Istat: servono?

È vero: c’è stata una (non richiesta) difesa da parte dell’Istat verso il Tutor (vedi qui, il Grande Fratello non funziona più e viene giustificato). Però segnalo che l’Istituto nazionale di statistica fa finalmente un distinguo: dice che gli incidenti stradali del 2010 si riferiscono a quelli con feriti, dove sono intervenute le Forze dell’ordine. Era ora. In passato, parlava genericamente di incidenti.

Peccato che la quasi totalità dei mass media non se ne sia accorta, nella furia di sparare numeri inutili sciopiazzandoseli a vicenda. E invece la differenza è notevole. Infatti, l’incidentalità stradale registrata dal settore assicurativo mostra che il rischio circolazione continua a essere preoccupante e produce costi elevatissimi per la collettività: i sinistri denunciati in un anno (inclusi quelli senza l’intervento di Forze dell’ordine) sono oltre 3,5 milioni. I feriti risarciti dalle assicurazioni hanno superato il milione. Nulla a che vedere con le statistiche Istat: nel 2010, 211.000 incidenti con feriti.

A questo punto, resta da capire a che servano i numeri Istat sugli incidenti. Direi quasi a zero. Ma non ditelo ai giornali. Se no, cosa copiano e incollano?

di Ezio Notte @ 19:44


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.