OmniAuto.it

26 aprile 2010

Indennizzo diretto: una clausola di salvezza. Pericolosa

Caro assicurato, accomodati nel frullatore

Caro assicurato, accomodati nel frullatore

L’indennizzo diretto, che fa dare il risarcimento dalla tua Compagnia anziché da quella del responsabile dell’incidente, è stato demolito dalla Corte costituzionale: questa l’ha reso facoltativo. “Pertanto, non è l’obbligatorietà del sistema di risarcimento diretto che impone le condizioni di un mercato concorrenziale, bensì la ricerca, da parte delle compagnie, della competitività con l’offerta di migliori servizi, e l’incentivo dei clienti non solo ad accettare quella determinata offerta contrattuale, ma a ricorrere al meccanismo, ove ve ne sia bisogno, del risarcimento diretto, come il più conveniente, ferma restando la possibilità di opzione per l’azione di responsabilità tradizionale, e per l’azione diretta contro l’assicuratore del responsabile civile”.

Adesso, con una clausola definita “di salvezza”, il Governo vorrebbe garantire la possibilità di rivalersi sull’assicurazione del responsabile dell’incidente. L’emendamento del Governo di modifica al Codice delle Assicurazioni “tende a chiarire gli strumenti di tutela alla luce della interpretazione data dalla Corte e di evidenziare nel modo più chiaro che le azioni dirette del danneggiato verso il proprio assicuratore nonché verso l’assicuratore del veicolo vettore in caso di trasportato, non costituiscono istituti nuovi e autonomi che privano il danneggiato stesso dell’azione verso l’assicuratore del responsabile ma rappresentano invece forma di esercizio di quest’ultima azione, in quanto l’assicuratore del danneggiato è convenuto in giudizio quale mero sostituto processuale dell’assicuratore del responsabile, mentre l’assicuratore del vettore è convenuto in forza del suo obbligo di intervenire in prima istanza e ferma, in entrambi i casi, la regolazione successiva dei rapporti tra le imprese coinvolte”.

Due rischi.

a) Che l’automobilista/assicurato esca da questo frullato di leggi e sentenze stordito.

b) Che, dopo la clausola di salvezza, si torni alla Corte costituzionale per farla eliminare.

Un bel casino messo in piedi dai nostri politici.

foto flickr.com/photos/cjmartin

di Ezio Notte @ 23:03


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. […] due parole, vi diciamo cosa è accaduto in materia di Rc auto-indennizzo diretto. Dopodiché, sarete liberi di sciropparvi il testo della Corte […]

    Pingback by Indennizzo diretto: era e resta facoltativo. Parola di Corte costituzionale | Automobilista.it — 4 maggio 2010 @ 22:48

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.