OmniAuto.it

21 luglio 2013

Inferno Compagnie fantasma

Fanno paura davvero

L’Ivass rende noto che sono stati segnalati casi di commercializzazione di polizze r.c. auto per il tramite dell’intermediario “BROKER AG n. 0018”, intestate “SIGMA Vienna Insurance Group” società che non rientra fra le compagnie autorizzate all’esercizio dell’attività assicurativa sul  territorio italiano.

Non solo. “BROKER AG n. 0018” non è iscritto nel Registro Unico degli Intermediari Assicurativi e non è presente nell’Elenco degli intermediari della Unione Europea.

Occhio quindi, le bande di truffatori si fanno sempre più furbe, con trucchi subdoli, arrivando perfino a copiare i nomi di Assicurazioni che esistono, anch’esse vittime del raggiro. Come accorgersene? Semplice: se il prezzo è troppo basso, o se la Rca che vi propongono è temporanea, dovete sentire puzza di bruciato. In genere, vi offrono Rca ultra low cost, senza spiegare le caratteristiche della polizza, e senza cercare di ritagliare la Rca su misura: non la personalizzano in base alle vostre esigenze, limitandosi a prendere i soldi il più in fretta possibile

L’Ivass raccomanda sempre di verificare, prima della sottoscrizione dei contratti, che gli stessi siano emessi da imprese e intermediari regolarmente autorizzati allo svolgimento dell’attività assicurativa, tramite la consultazione sul sito www.ivass.it:

– degli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi

generali ed elenco specifico per la r. c. auto);

– dell’elenco degli avvisi relativi a “Casi di contraffazione o società non autorizzate”;

– del registro unico degli intermediari assicurativi e dell’elenco degli intermediari dell’Unione

Europea.

I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center dell’IVASS al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13,30. Ricorda che, se sprovvisto di Rca, paghi tutti i danni causati: è una vita che si trasforma in un inferno.

di Ezio Notte @ 23:35


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.