OmniAuto.it

29 agosto 2013

Insaziabile, onnivoro: è il Comune di Milano che si occupa di mobilità

Giochi di parole

Adoro il linguaggio dei Comuni. Molto politico. Sentite Milano: “Grazie all’entrata in vigore a marzo del provvedimento definitivo, che ha permesso di mettere in campo economie di scala, è stato possibile applicare una spendig review anche ad Area C, che porterà a un risparmio di circa 1,5 milioni di euro sui costi di gestione del sistema. Infine, parte del risparmio deriva anche dal passaggio, a partire dal 2 settembre, dal numero 800.437.437 al nuovo 02.48684001 (gratuito per chi ha piani tariffari tutto incluso o a tariffa urbana secondo operatore). Tutte le risorse derivanti dal provvedimento, al netto dei costi del servizio, saranno reinvestite in interventi per la mobilità sostenibile, com’è già avvenuto nel 2012 con l’estensione di BikeMi e il potenziamento dei mezzi pubblici”.

Quali sono i passaggi chiave?

1) “Il nuovo 02.48684001 (gratuito per chi ha piani tariffari tutto incluso o a tariffa urbana secondo operatore)”. Certo, gratuito per chi ha piani tariffari tutto incluso. Anche un aperitivo in un hotel 7 stelle alle Bahamas è gratuito, se hai già pagato un mese di vacanza all inclusive. Capito? Ti fanno passare il numero a pagamento un po’ in silenzio. Bravi. Ma questo blog li scova, senza pietà. Il numero per l’Arec C si paga. Stop.

2) “Tutte le risorse derivanti dal provvedimento, al netto dei costi del servizio, saranno reinvestite in interventi per la mobilità sostenibile”. Al netto dei costi del servizio: e quanto costano questi servizi? Vediamo. Spendi per il servizio 50.000 euro l’anno. Incassi 40.000 euro con il telefono. Cosa ti rimane da investire in sicurezza? Zero. “Saranno reinvestite in interventi per la mobilità sostenibile”. E ci mancherebbe pure che i soldi se li tenessero. Ora siamo tutti tranquilli. Sappiamo che ai 25 milioni di ticket Area C incassati in un anno, più i 50 milioni di euro di multe, si sommeranno i soldi del telefono a pagamento: la sicurezza raggiungerà livelli mai visti a Milano!

Non male anche questo: “L’acquisto e l’attivazione di questa nuova tipologia di tagliando saranno possibili attraverso l’altra novità che nascerà sempre il 30 settembre: l’area personale My Area C. Sul sito www.areac.it, la nuova pagina sarà a disposizione di tutti – non più solo di residenti e veicoli di servizio – e da qui sarà possibile controllare tutti gli accessi, regolarizzare i tagliandi ordinari ed effettuare il pagamento differito entro i 7 giorni”. C’è da sbrodolarsi dalla gioia: una specie di schedatura sul web. E quale sarebbe il vantaggio per l’automobilista? Restiamo in trepida attesa.

di Ezio Notte @ 00:00


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.