OmniAuto.it

9 ottobre 2012

Ipt, Imposta provinciale di trascrizione: sempre più complicato

Ipt, altro caos

Il Consiglio dei ministri di giovedì 4 ottobre ha approvato una nuova norma in tema di Imposta provinciale di trascrizione (nel Decreto sviluppo bis): l’attribuzione del gettito dell’Ipt alla Provincia ove ha sede legale/residenza il soggetto passivo d’imposta. Contrariamente a quanto avvenuto sino a oggi, le somme incassate a titolo di Ipt dovranno essere versate alla Provincia del soggetto “a favore”/beneficiario della formalità.

Occhio: chi si occuperò delle formalità rientranti nella casistica? Partliamo di veicoli da intestare a persone giuridiche e/o formalità con rilascio della competenza ad altra Provincia. Occorre contenere gli inevitabili disagi che caratterizzeranno la fase transitoria successiva all’entrata in vigore fino a quando non saranno rilasciate in esercizio le complesse modifiche procedurali.

Un altro ennesimo cambiamento della burocrazia, per una tassa odiosa, che entra nelle casse di enti (le Province) i quali dovevano scomparire e invece sono ancora lì a vampirizzare i soldi degli automobilisti. Basterebbe eleminare le Province, e la relativa tassa che come sempre scompare fra le nebbie…

di Ezio Notte @ 00:21


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.