OmniAuto.it

1 gennaio 2014

L’agente Roberto de Michelis: Rc auto con scatola nera? Occhio alle batoste per la velocità eccessiva!

Scatola nera? Ricorda che...

Rc auto: il decreto Destinazione Italia prevede uno sconto per chi monta la scatola nera. Vediamo che ne pensa l’agente Roberto de Michelis, agente assicurativo

De Michelis, la scatola nera aiuterà gli automobilisti?
“Se ti riferisci agli sconti, sì. Ma ci sono parecchi pericoli nascosti”.

Tipo?
“La scatola nera rileva anche la velocità. Se un automobilista fa un incidente, se la velocità è eccessiva rispetto al limite, magari il risarcimento è parziale o nullo. La regola del limite va rispettata sempre e comunque: un problema di educazione civica e di cultura”.

In altre parole, qual è il rischio?
“Senza scatola nera, hai il risarcimento al 100% perché ci si basa sulle tue dichiarazioni, su quelle dei testimoni, e sui rilievi della Polizia. Con la scatola nera, comanda lei: può esserci un’applicazione di concorsualità di responsabilità. Sei in parte colpevole del botto, perché andando più piano potevi evitare l’incidente. Sentiamo assieme la legge”.

Che dice cosa?
“Dice così: ‘Le risultanze del dispositivo formano piena prova, nei procedimenti civili, dei fatti cui esse si riferiscono, salvo che la parte contro la quale sono state prodotte dimostri il mancato funzionamento del predetto dispositivo’. Tradotto: comanda la scatola nera. Poi ci sono altri possibili guai”.

Quali?
“Se l’apparecchio non rileva il sinistro? E se dice che la macchina non era nella posizione esatta indicata nel Modulo blu della constatazione amichevole, all’ora indicata? Finalmente, determinati incidenti fasulli potranno essere scovati, o non denunciati come avvenuti successivamente al ripristino della copertura assicurativa, anche se ritengo che i ‘professionisti’ dei sinistri falsi mai installeranno la scatola nera. Ma prestiamo attenzione sui dati messi sulla constatazione amichevole relativi a data, ora e luogo del sinistro. E c’è un’ultima considerazione”.

Cioè?
“L’apparecchio che è collegato alla batteria dell’auto funziona anche a motore spento, non funziona se viene staccata la batteria per lunghe soste del mezzo (nel caso si dovrebbe avvisare la centrale operativa) o se ci si trova in un box sotterraneo dove non viene rilevato dal Gps”.

di Ezio Notte @ 17:54


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.