OmniAuto.it

14 ottobre 2010

L’immunità parlamentare dei ciclisti

A certe cicliste si può perdonare tutto...

Ormai sono i re delle strade, ma soprattutto dei marciapiede: i ciclisti. A loro tutto è permesso: guidare la bici e tenere un cellulare in mano, andare controsenso, investire i pedoni sul marciapiede. Una volta, si sono azzardati a togliere punti-patente dal ciclista che passava col rosso e aveva la licenza per le auto: apriti cielo, subito dietrofront, per timore di perdere i voti di chi va in bici e se ne frega delle regole. La più recente buffonata riguarda il gilet catarifrangente, che i ciclisti devono indossare di notte. L’obbligo c’è dal 12 ottobre. Noi in queste ore abbiamo incontrato ciclisti senza gilet.

Direte: la norma è fresca. Sarà. Ma la regola che impone di non parlare al cellulare c’è da una vita. Eppure…

La verità è che il ciclista gode di immunità parlamentare. È libero di fare quel che vuole, in quanto utente debole della strada.

È vero, ci sono i pirati schifosi che in macchina uccidono i ciclisti: andrebbero messi in gattabuia per sempre. Ma esistono anche ciclisti cui non si dovrebbe far guidare neppure un triciclo in cortile.

foto flickr.com/photos/bike

di Ezio Notte @ 22:50


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.