OmniAuto.it

12 ottobre 2013

L’inferno della cartella esattoriale: il modo per fare ricorso vincente c’è. Prima devi pagare il contributo unificato allo Stato (e non all’avvocato)

Cartella esattoriale? Esci dall'inferno

Gli enti locali sono affamati dei vostri soldi. La soluzione più rapida è multare per infrazioni presunte al Codice della strada. E poi inviare notifiche a casa vostra: la busta verde non vi arriva? Poco importa. La pubblica amministrazione prosegue il suo cammino inesorabile e implacabile verso il vostro conto corrente. Oh sì, perché se tu non paghi quanto imposto dalla cartella esattoriale, scatta il fermo amministrativo dell’auto e magari ti vengono a paralizzare il conto corrente in banca.

Però un modo per combattere queste ingiustizie esiste. Si chiama ricorso. Che non puoi fare da solo: necessiti di un esperto al tuo fianco. Il quale vada a caccia di vizi di forma. Così come loro hanno cercato un vizio di forma per mettere le ganasce fiscali alla tua macchina e al tuo conto corrente, allo stesso modo tu – tramite avvocato – fai valere i tuoi diritti.

Attenzione. La pubblica amministrazione è crudele. Se fai ricorso, pronti via tiri fuori i soldi del contributo unificato: tasse che non vanno all’avvocato, ma allo Stato. Si definisce “unificato” perché dentro vengono uniti tutti i balzelli possibili e immaginabili. Quattrini che l’avvocato nemmeno vede: magari tu dai i soldi al legale, perché poi questi li versi allo Stato. In alternativa, il contributo unificato lo paghi tu da solo, col modulo apposito in banca. Oppure dal tabaccaio. La sostanza non cambia: sono cucuzze che paghi allo Stato, non all’avvocato.

E quanti soldi ballano con il contributo unificato?

Per i processi di valore fino a € 1.100, il  contributo unificato è di € 37.

Per i processi di valore superiore a € 1.100 e fino a € 5.200, il  contributo unificato è di € 85.

Per i processi di valore superiore a € 5.200 e fino a € 26.000, il  contributo unificato è di € 206.

Per i processi di valore superiore a € 26.000 e fino a € 52.000, il  contributo unificato è di € 450.

E via a salire.

Io sono dalla vostra parte. Per info e aiuti multe e ricorsi: ezio.notte at omniauto.it

ps: Si chiama ricorso se contesti solo vizi di notifica dell’originario verbale o della cartella che vai ad opporre. Si chiama opposizione alla esecuzione se contesti altri vizi quali la prescrizione, decadenza, illegittimità degli interessi applicati. Questo blog è ferratissimo in materia…

di Ezio Notte @ 22:06


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.