OmniAuto.it

24 aprile 2010

La Carlucci, i politici e le microcar: esposizione mediatica garantita

Microcar e patenti: la sagra dei numeri

Microcar e patenti: la sagra dei numeri

Gabriella Carlucci, presidente della commissione parlamentare Infanzia e adolescenza, ha un’idea per limitare gli incidenti che vedono le microcar protagoniste: “La proposta di legge da me presentata risponde alle pressanti sollecitazioni di numerose associazioni di consumatori e di genitori e consente di condurre quadricicli leggeri, le cosiddette minicar, unicamente dopo il conseguimento della patente di categoria A1 e quindi solo a partire dai 16 anni di età. Attualmente sono sufficienti 14 anni e un semplice certificato di idoneità alla guida di ciclomotori, il cosiddetto Cig”.

Tutto questo è meraviglioso. Così la Carlucci si becca le paginate sui quotidiani grazie alle microcar, proprio come i suoi colleghi politici. Seppure in buona fede, esattamente come altri onorevoli quando parlano di sicurezza stradale, la Carlucci dimentica un piccolo particolare: se c’è una legge che equipara le microcar ai cinquantini, e se i cinquantini possono guidarli i 14enni, io legislatore come faccio a imporre che le microcar vengano guidate solo da chi ha più di 16 anni?

Allora, o i cinquantini e le microcar vengono guidate solo da chi ha più di 16 anni, oppure quella distinzione non si può più fare.

Altra considerazione. Si vuole abbassare l’età minima per guidare l’auto: da 18 a 17 anni (16 è impossibile e lo spiegavamo qui). Ma se da una parte si intende abbassare l’età per i patentati B (la licenza per le auto), perché dall’altra si vuole alzare l’età per le microcar ed eventualmente per i cinquantini?

Questi politici faranno ammattire noi di Automobilista.it!

foto flickr.com/photos/lrargerich

di Ezio Notte @ 00:07


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. […] Dando il cinquantino a chi ha più di 14 anni e la minicar a chi ne ha più di 16, si fa passare il messaggio che le microcar siano più insidiose dei cinquantini. Stendo poi un velo pietoso sulla fattibilità di una norma del genere: vedi qui. […]

    Pingback by Compito ingrato: Automobilista.it costretto a difendere le microcar | Automobilista.it — 24 aprile 2010 @ 16:25

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.