OmniAuto.it

10 dicembre 2011

La figuraccia di Milano. Con 64.000 euro incassati…

Blocchi succhiasoldi

A quelli che comandano a Milano gliel’ho ripetono da mesi: guarda che lo smog va via solo se piove, l’auto non c’entra. Ma no. Niente: bloccare le macchine, che ci stanno antipatiche. E va bene. Così poi uno va a leggere i dati. Dopo il blocco di venerdì, le centraline di Arpa Lombardia di Senato e Verziere hanno registrato 75 microgrammi al metro cubo, e quella di Pascal 74 microgrammi. Direi che qui si devono fare vivissimi complimenti alla Giunta Pisapia per avere distrutto lo smog! Non trovate?

Altri risultati del blocco dell’auto. Viaggi sui mezzi pubblici da incubo, in metro come in una scatoletta di sardine: c’era pure cattivo odore. Si può dire o s’offende la Giunta? Laddentro si suda, non c’è aria. E quindi ecco la puzza.

I Vigili hanno appioppato 800 verbali su 3.700 controlli. Fanno 64.000 euro. Le uniche a godere sono state le casse del Comune. Nell’ultima domenica a piedi, il 20 novembre, erano stati effettuati 2.765 controlli e elevate 828 contravvenzioni: 66.240 euro. Allora, con due bloccucci, il Comune introita 130.240 euro. Oh sì, questa guerra allo smog è proprio sanguinosa…

Un flop mediatico, una fallimento a livello di salute per i cittadini. In compenso, Milano si giustificherà di fronte all’Unione europea dicendo di aver fatto il possibile per combattere lo smog. Nel frattempo, già che c’era, ingoiava il denaro degli automobilisti multati.

di Ezio Notte @ 16:03


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.