OmniAuto.it

31 marzo 2013

La libertà dell’Antitrust

Della libertà in Italia

Ragioniamo ancora sul provvedimento Antitrust che dice ok alla cessione del credito Rca solo ai carrozzieri convenzionati con Vittoria.

Le argomentazioni svolte indicano che la clausola, nella sua unitarietà, bilancia interessi diversi meritevoli di tutela quali, dal lato dell’impresa, l’esigenza di prevenire comportamenti fraudolenti cui è collegato anche l’aumentano dei costi che, a valle, incidono sull’ammontare dei premi delle polizze; dal lato del consumatore/assicurato, la libertà di scegliere il carrozziere di fiducia senza anticipare il costo della riparazione avvalendosi della delega di pagamento, con tempi rapidi per l’attivazione del perito e l’introduzione di un meccanismo di silenzio-assenso alla cessione del credito verso riparatori non convenzionati. Per queste ragioni non sussiste un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto a carico dell’assicurato e, quindi, non si ravvisa la vessatorietà della clausola oggetto di interpello. In aggiunta, deve considerarsi che la clausola in esame riserva al consumatore che si avvalga della cessione del credito autorizzata da Vittoria o si rivolga ai riparatori convenzionati, un vantaggio economico in termini di sconto sul premio imponibile – pagato nell’ultima annualità assicurativa relativamente alla garanzia r.c. auto – fruibile dall’assicurato danneggiato al momento della liquidazione del danno”.

Ma di quale libertà parla l’Antitrust se toglie la libertà di andare da un carrozziere indipendente? E se l’Antitrust deve tutela la libertà del mercato e la libera concorrenza, come si può avere libertà e libera concorrenza se l’Antitrust stessa è a favore di una clausola che toglie la libertà di andare da un carrozziere indipendente ed elimina anche la concorrenza di un carrozziere indipendente? E poi: perché l’Antitrust si sofferma su presunti vantaggi a favore del consumatore, non concentrandosi sui vantaggi per l’Assicurazione? Di quali vantaggi per il consumatore si tratta, se il carrozziere fiduciario non ha la concorrenza del carrozziere indipendente?

di Ezio Notte @ 00:00


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.