OmniAuto.it

18 gennaio 2010

L’agente Pisano consiglia: “Rinuncia alla rivalsa? Sì!”

Rivalsa: in caso di incidenti gravi, sono guai seri

Rivalsa: in caso di incidenti gravi, sono guai seri

Mai sentito parlare di rivalsa? È un diritto dell’assicuratore, che prevede la possibilità di farsi risarcire dal responsabile del danno quanto sborsato. Vuol dire che, per esempio, se causi un incidente in stato d’ebbrezza, l’Assicurazione dà i soldi al danmeggiato, ma poi li esige da te. E se ci sono feriti o morti, i denari in ballo sono parecchi.

Però la rivalsa si può cancellare, pagando una Rca leggermente più costosa: è la rinuncia alla rivalsa. Ne parliamo con Roberto Pisano, agente di assicurazioni plurimandatario, nonché presidente provinciale di Cagliari dello Sna (Sindacato nazionale agenti di Assicurazione).

Pisano: Lei consiglia la rinuncia della rivalsa per guida in stato d’ebbrezza?
“Sì, la rinuncia alla rivalsa è una garanzia indispensabile. Provocare un incidente guidando in stato di ebbrezza può costare molto caro, perché la Compagnia che ha pagato il danno ha il diritto di rivalersi sul responsabile. E quanto più grave è il danno provocato, tanto più è certo che la Compagnia eserciterà questo diritto. Le norme attuali, in Italia, tollerano un tasso alcolemico di 0,5 grammi per litro di sangue; al di là di questo limite, si è considerati in stato di ebbrezza. Per avere un’idea di cosa significa, si consideri che un uomo di 70 kg che beve due birre a stomaco vuoto ha già un tasso alcolemico atteso di 0,56 grammi/litro ed è potenzialmente fuorilegge. A meno che non ci si trovi a essere assolutamente astemi, è sempre il caso di controllare che la polizza abbia questa estensione di garanzia”.

La rinuncia alla rivalsa la consiglia anche ai papà che danno l’auto in mano al figlio?
“Sì, i papà farebbero bene a considerare questo: anche se il proprio figlio è un ragazzo affidabile e responsabile, non c’è la certezza che in certe situazioni l’auto non sia guidata da altri, magari da un amico che ha alzato un po’ il gomito in discoteca”.

Ma quanto costa la rinuncia alla rivalsa?
“Il costo dell’estensione di garanzia varia per ciascuna Compagnia; direi che possiamo valutarlo mediamente fra l’1% e il 5% circa del premio della Rca. Vi sono però alcune Compagnie che comprendono questa garanzia automaticamente nel premio base e altre che non offrono questa opzione ai propri assicurati”.

Un suggerimento?
“Attenzione: talvolta la garanzia opera con una franchigia; vale a dire che resta comunque a carico dell’assicurato un obbligo parziale, in caso di esercizio della rivalsa, di rimborsare alla Compagnia un importo che, generalmente, non supera il migliaio di euro”.

foto flickr.com/photos/bettyx1138

di Ezio Notte @ 22:46


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. […] i danni all’altro veicolo, ma poi si fa dare i quattrini da te: tutti o in parte. Si chiama rivalsa. E se ci sono lesioni fisiche o morti, è un guaio: le decine di migliaia di euro volano via […]

    Pingback by L’agente Pisano: “Rivalsa per droga? Non così difficile!” | Automobilista.it — 1 febbraio 2010 @ 23:52

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.