OmniAuto.it

30 maggio 2013

Le semplici proposte dell’Ania. E il SEL che fa danni

Il Carrozziere.it per la libertà

Ecco le proposte dell’Ania per migliorare il settore Rca.

1) Dopo l’“ondata” regolamentare dell’ultimo decennio, limitare gli interventi normativi ai fattori che incidono effettivamente sui costi e sui prezzi della Rca.

2) Approvare la tabella per la valutazione economica e medico legale dei danni gravi alla persona.

3) Impiegare la nuova struttura antifrode dell’Ivass per una più efficace azione contro le frodi assicurative, coinvolgendo le forze dell’ordine e le imprese.

4) Definire una tabella nazionale per il risarcimento dei parenti delle vittime di incidenti stradali, soprattutto in caso di decesso delle vittime stesse, con valori economici coerenti con il resto d’Europa.

5) Incentivare la riparazione diretta dei veicoli presso carrozzerie convenzionate.

6) Prevedere un termine di decadenza per la presentazione delle richieste di risarcimento.

7) Costruire un consenso istituzionale sulle azioni da intraprendere, istituendo un tavolo tecnico con tutti gli stakeholders, per valutare gli interventi necessari e i loro effetti economici.

Tutto qui? Comunque, non me la sento di criticare più di tanto l’Ania: fa il suo lavoro, lobbying pro Assicurazioni. Tutto legale.

Quello che mi spaventa è che il SEL, di sinistra, sia contro la cessione del credito. Ossia voglia fare un regalo alle Assicurazioni: vedi punto 5. Sono basito.  Il SEL che avalla il disegno dell’oligopolio assicurativo di avere il totale controllo non solo sulla vendita delle polizze ma anche chi riparare i mezzi incidentati e quanto risarcire il danno alla persona, possibilmente senza alcuna assistenza di professionisti indipendenti, è il massimo. Qui la furia delle carrozzerie indipendenti (leggi il Carrozziere.it di Davide Galli) e dei patrocinatori stragiudiziali (leggi il Cupsit.it di Stefano Mannacio) splendidi ultimi baluardi di un’Italia che vuole crescere, e non essere aggregata all’Africa centrale.

di Ezio Notte @ 00:00


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. domani novità sulla mozione scotto.

    Commento by stefano mannacio — 5 giugno 2013 @ 19:07

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.