OmniAuto.it

17 gennaio 2013

Legnata: 284 euro per il tuo silenzio

I vostri soldi

Come vi ho già spiegato qui qui qui parecchio tempo fa, se tu prendi una multa taglia-punti, devi dire alle Forze dell’ordine chi guidava al momento dell’infrazione; ed è sempre più difficile fare ricorso. Se non lo dici, ti arriva una seconda multa, di 284 euro. Appena cresciuta, in virtù degli aumenti del 1° gennaio 2013 per quasi tutte le multe.

Sta tutto scritto nell’articolo 126-bis del Codice della strada: “L’organo da cui dipende l’agente che ha accertato la violazione che comporta la perdita di punteggio, ne dà notizia, entro trenta giorni dalla definizione della contestazione effettuata, all’anagrafe nazionale degli abilitati alla guida. La contestazione si intende definita quando sia avvenuto il pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria o siano conclusi i procedimenti dei ricorsi amministrativi e giurisdizionali ammessi ovvero siano decorsi i termini per la proposizione dei medesimi. Il predetto termine di trenta giorni decorre dalla conoscenza da parte dell’organo di polizia dell’avvenuto pagamento della sanzione, della scadenza del termine per la proposizione dei ricorsi, ovvero dalla conoscenza dell’esito dei ricorsi medesimi. La comunicazione deve essere effettuata a carico del conducente quale responsabile della violazione; nel caso di mancata identificazione di questi, il proprietario del veicolo, ovvero altro obbligato in solido ai sensi dell’articolo 196, deve fornire all’organo di polizia che procede, entro sessanta giorni dalla data di notifica del verbale di contestazione, i dati personali e della patente del conducente al momento della commessa violazione. Se il proprietario del veicolo risulta una persona giuridica, il suo legale rappresentante o un suo delegato è tenuto a fornire gli stessi dati, entro lo stesso termine, all’organo di polizia che procede. Il proprietario del veicolo, ovvero altro obbligato in solido ai sensi dell’articolo 196, sia esso persona fisica o giuridica, che omette, senza giustificato e documentato motivo, di fornirli è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma di 284 euro”.

Sicché, chi t’invia la multa se ne sbatte se tu di dimentichi di dire chi guidava, anzi loro godono ancora di più, e ti azzannano i soldi. Ah sì, poi ci sarebbe la sicurezza stradale… Certo… Come quando, nel 2007, il Governo disse che i proventi da autovelox dovevano andare allo Stato. La reazione isterica e uterina dei Comuni: “Noi spegniamo i nostri autovelox“. Ma come? E la sicurezza stradale? I morti? I feriti? L’Unione europea che ci dice di dimezzare le vittime della strada?

di Ezio Notte @ 00:00


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. E come funziona con le vetture in leasing?

    Commento by Alan — 17 gennaio 2013 @ 08:28

  2. Il 31.01.2013, o ricevuto da Equitalia, una raccomandata per una infrazione in data del 24/08/2009 mai ricevuta, lunedì prossimo andrò di persona per vedere
    la firma del ricevente e la foto, dal momento che non ho mai ricevuto niente.

    Commento by Gino — 2 febbraio 2013 @ 21:37

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.