OmniAuto.it

12 luglio 2012

L’Isvap muore. Proprio ora che mi stava diventando simpatico

Addio Isvap

L’Isvap – il vigilante sulle Assicurazioni – muore. La spending review prevede la soppressione dell’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo e della Commissione di vigilanza sui fondi pensione.

Sì, lo so: le funzioni dei due enti saranno accorpate dall’Ivarp, che nasce come unico istituto per la vigilanza sulle assicurazioni e sul risparmio previdenziale, nel pieno rispetto delle indicazioni comunitarie in materia. Il fatto è che il nuovo ente funzionerà in stretta sinergia con le strutture della Banca d’Italia, così da assicurare una piena integrazione dell’attività di vigilanza nei settori finanziario, assicurativo e del risparmio previdenziale, anche attraverso un più stretto collegamento
con la vigilanza bancaria. Insomma, un’Authority diversa da quella di oggi.

Io preferivo il buon vecchio Isvap delle ultime settimane. Che era divenuto, come d’incanto combattivo. E menava fendenti alle Assicurazioni: vedi per esempio qui. Chissà, magari se l’Isvap potesse tornare indietro, forse qualche morso in più lo tirerebbe alle Compagnie. Voi che ne dite?

L’istituto, quello nuovo, diventerà operativo entro 120 giorni dall’entrata in vigore del decreto, realizzando un risparmio di costi pari ad almeno il 10% delle spese di funzionamento dei due enti soppressi.

di Ezio Notte @ 22:48


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.