OmniAuto.it

15 novembre 2012

L’Unione europea per la sicurezza stradale

Incidenti: il piano Ue

Così l’Ue mira a migliorare la sicurezza stradale. Ce la farà?

Dispositivi avanzati di frenata d’emergenza 
(Advanced Emergency Braking Systems – AEBS)
Gli AEBS si servono di sensori che avvisano il conducente in caso di avvicinamento eccessivo al veicolo che precede. Se il conducente non reagisce in tempo il sistema fa scattare automaticamente il freno di emergenza per impedire la collisione o ridurne l’impatto. Questi sistemi sono particolarmente efficaci quando, ad esempio, un veicolo pesante arriva in prossimità di una fila di veicoli e il conducente non reagisce oppure non lo fa in tempo.

Sistemi di avviso di deviazione dalla corsia di marcia 
(Lane Departure Warning Systems – LDWS)
Gli LDWS aiutano i conducenti a rimanere all’interno delle rispettive corsie di marcia emettendo un segnale di allerta se il veicolo tende ad uscire in modo non intenzionale dalla corsia, in particolare in caso di distrazione del conducente. Questi sistemi sono particolarmente utili per evitare incidenti causati da veicoli pesanti che deviano dalla propria corsia, una delle principali cause di incidenti sulle autostrade.

Sistemi di ritenuta dei bambini 
(Child Restraint Systems – CRS)
Le nuove disposizioni fanno sì che i seggiolini per bambini di nuova generazione siano compatibili e si integrino pienamente nelle autovetture moderne. Il nuovo sistema di ritenuta per bambini, denominato “i-Size”, non causerà più confusione a causa delle diverse categorie di peso, ma presenterà semplicemente tre diverse dimensioni tra cui scegliere, analogamente a quanto avviene per gli abiti. I bambini non saranno esposti a rischi a causa di un errato orientamento del seggiolino (i seggiolini per bambini fino a 15 mesi di età saranno rivolti all’indietro) e infine i nuovi sedili offriranno una protezione migliore dagli urti laterali.

Requisiti di sicurezza delle batterie montate su veicoli elettrici
Le batterie dei veicoli elettrici possono essere esposte a condizioni estreme (forti vibrazioni, improvvisi cambiamenti di temperatura, incidenti) con conseguente rischio di deterioramento e possibili ripercussioni sulla sicurezza dei passeggeri. Per limitare questi pericoli è stata messa a punto una serie di prove che simulano alcune situazioni che possono verificarsi nella guida reale, come incidenti, incendi o cortocircuiti.
Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite (United Nations Economic Commission for Europe – Unece)

L’armonizzazione tecnica è un fattore chiave per rafforzare la competitività dell’industria automobilistica europea sulla scena mondiale. Più estesa è la regolamentazione a livello di UNECE, maggiori sono i vantaggi per l’industria europea e meno è necessaria una legislazione Ue in materia.

L’Ue ha sottoscritto l’accordo internazionale delle Nazioni Unite sulla costruzione dei veicoli (1958), che conta attualmente 50 parti contraenti (compresi UE, Giappone, Russia e Corea) e 127 regolamenti. Questi regolamenti disciplinano l’omologazione di tutto quanto riguarda la sicurezza dei veicoli e la tutela dell’ambiente e sono gestiti dal Forum mondiale per l’armonizzazione delle regolamentazioni sui veicoli (World Forum for Harmonization of Vehicle Regulations), un gruppo di lavoro permanente dell’Unece. La Commissione e gli Stati membri partecipano al lavoro tecnico preparatorio del Forum, all’interno del quale la Commissione esercita il diritto di voto a nome dell’Unione europea.

di Ezio Notte @ 00:33


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.