OmniAuto.it

7 luglio 2012

Ma una bella multa alle signore Assicurazioni, no: vero?

Isvap disarmato

Se tu non ti assicuri con la Rca ti becchi una multa: è giusto così. C’è una legge e va rispettata. Se tu causi un incidente e non hai la Rca, paghi i danni: è giusto, non eri coperto. Se non rispetti le regole dell’indennizzo diretto, in base alle quali devi dare tutta la documentazione per farti risarcire, non vedi un euro: è la legge. Se dimentichi il rinnovo della Rca, sono cavoli tuoi. Se non leggi le mille clausole della Rca, dalle rivalse per aver fatto viaggiare troppe persone, alle franchigie e agli scoperti, sono affari tuoi: perdi denaro e zitto. Ma – chissà perché – se le Assicurazioni dormono, non vengono penalizzate.

È delle scorse ore l’allarme tremendo lanciato dall’Isvap, l’ente che vigila sulle Assicurazioni: le Compagnie danno subito il risarcimento tramite indennizzo diretto senza verificare se dietro l’incidente ci sia un truffa ai danni di un ignaro onesto automobilista perfettamente in regola con la Rca. Dove sta il vero problema? Che le Assicurazioni ne escono comunque vincitrici. L’Isvap può infatti denunciare, bacchettare le Assicurazioni, fare totò sul sederino, far fare alle Assicurazioni una figuraccia, non tanto tramite i paludati mass media che ci vanno coi piedi di piombo quanto sui blog e sui siti un po’ più giovani freschi e reattivi; l’Isvap può dire “Ah così non si fa”; e tutto finisce lì. Sì, ci sarebbero le multe per alcune inadempienze contrattuali. Succede da anni. È che sono sanzioni così leggere che le Assicurazioni continuano imperterrite a farsi sanzionare: come uno con la Ferrari che si becca una decina di multe per divieto di sosta l’anno. Il guaio è che l’Isvap (almeno finché vive in modo indipendente…) è disarmato: non può infliggere alle Assicurazioni un milione di euro di multa per comportamento scorretto e incivile, per aver subito dato il risarcimento tramite indennizzo, per avere ragionato così: “Chissenefrega: io do l’indennizzo al mio cliente in odore di truffa; poi sono cavoli eventuali dell’altra Assicurazione che dovrà dare spiegazioni al suo cliente onesto, e cornuto, e mazziato”.

Qualche tempo fa, lo stesso Antitrust si lamentò per la questione multe alle Assicurazioni, ma il Governo non mosse un dito. Ecco, se davvero l’iperliberale Governo Monti, se il liberalizzatore Esecutivo dei tecnici avesse liberalizzato il mercato Rca, per spazzare via il marcio avrebbe introdotto multe pesanti per le Assicurazioni, anziché intervenire sul colpo di frusta, il quale ha a che fare con le liberalizzazioni come Serena Williams con la danza classica.

di Ezio Notte @ 23:26


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.