OmniAuto.it

23 novembre 2011

Milano lancia la crociata contro i diesel Euro 3

Maran: lotta allo smog

Hai una diesel Euro 3? Occhio: l’assessore alla Mobilità di Milano Pierfrancesco Maran ha appena detto: “Regione e Provincia fermino la circolazione dei veicoli diesel Euro 3. Milano lo farà da lunedì prossimo se le concentrazioni di polveri sottili rimarranno sopra il limite consentito. Stiamo mettendo in campo misure importanti per ridurre il PM10 e crediamo che possano essere ancora più efficaci se anche Provincia e Regione collaborano con noi applicando gli stessi interventi. Più è vasta l’area di applicazione, più significativi saranno i risultati”.

Ossia, per contrastare gli alti livelli di polveri sottili che da giorni sono registrate nell’aria di Milano (e non solo) è partita la crociata anti Euro 3 diesel.

Ma quanti sono nel mirino? A Milano i diesel Euro 3 ammontano a 87.000, pari all’11% degli autoveicoli immatricolati nel Comune. In Provincia sono 241.129, pari al 12% degli autoveicoli immatricolati, e in Regione 899.175, pari al 14% degli autoveicoli immatricolati in Lombardia.

È che a Milano si muore. Arpa ha certificato il nono giorno consecutivo con livelli di PM10 superiori alla soglia di attenzione. Se saranno raggiunti i 14 giorni consecutivi da lunedì 28 novembre saranno attive le misure previste dalla fase 2 dell’ordinanza sindacale 94/2011. La prima fase, in atto da ieri, ha già contribuito a vietare per tutto il giorno i veicoli più inquinanti, già fermati dal 15 ottobre, dalle 7.30 alle 19.30 e dal lunedì al venerdì, per effetto del provvedimento regionale.

E qual è la seconda fase? Non potranno circolare, fino a revoca della misura, ciclomotori, motocicli, tricicli e quadri cicli a due tempi Euro 2 nonché ciclomotori, motocicli, tricicli e quadri cicli Euro 2 alimentati a gasolio.

di Ezio Notte @ 00:16


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.