OmniAuto.it

29 novembre 2011

Milano: lo smog ubriaca i politici

Milano d'inverno. Lo sanno tutti

Smog a Milano. Sindaci, consulenti, relazioni, tavole rotonde, annunci, smentite. Sembra che una donna debba partorire 12 gemelli. Tutt’intorno, un gran daffare. Poi, al momento giusto, il dottore dice alla partoriente: dai, fai uno sforzino. Cosa ha partorito Milano?

Limitazione del traffico privato dei veicoli Euro 3 diesel senza filtro antiparticolato dalle 8.30 alle 18; un grado in meno di riscaldamento, da 22 a 21, in tutti gli edifici.

A nessuno passa neppure per la testa di eliminare le caldaie a carbone e a gasolio che infestano Milano.

Qui ci vorrebbe class action nei confronti delle istituzioni che devono occuparsi della salute dei cittadini, e invece curano gli interessi delle lobby.

Targhe alterne? Fesserie da ricchi. Penalizzano i lavoratori della periferia e i turnisti. Io che timbro alle 7 o alle 8, a che cavolo di ora esco di casa? Dormo fuori dalla ditta? I mezzi sono pochi, sempreché ci siano. E poi parliamo di Milano: freddo, gelo, nebbia. Sembra che stiamo discutendo di Los Angeles: ma sì, una gitarella sul Viale del tramonto zona est di Milano. In bici. Col figlio sulla canna da portare all’asilo.

foto flickr.com/photos/rocketboom

di Ezio Notte @ 00:36


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.