OmniAuto.it

8 agosto 2013

Mobilità pulita a Milano? Area C: ecco il super ticket, altroché multa scontata

Squallore

A Milano, è stata approvata nell’ultima seduta di Giunta la delibera con cui viene inserita una nuova tipologia di tagliando per l’ingresso in Area C, che prevede uno super ticket rispetto al costo di una multa, per chi si mette in regola entro 7 giorni. Il Comune lo chiama sconto. Ma ci vuole coraggio. È un pedaggio iper maggiorato.

Da settembre, infatti, sarà possibile per chi non si è messo in regola entro la mezzanotte del giorno successivo all’ingresso, acquistare e attivare un tagliando del valore di 30 euro entro la mezzanotte del 7° giorno (sempre a far data dal momento dell’accesso). Il giorno preciso da cui sarà possibile attivare questa nuova tipologia di tagliando sarà comunicato non appena verrà definito.

Dunque, tre possibilità: o paghi 5 euro subito (una legnata); o paghi 30 euro entro 7 giorni (una stangata colossale); o paghi 90 euro di multa (uno strangolamento). Per la cronaca, il Comune in un anno ha incassato 25 milioni di euro di Area C, più 50 milioni di multe per mancato pagamento dell’Area C.

In parallelo, le tariffe per gli abbonamenti ai mezzi pubblici sono stati rincarati: una batosta mai vista. Così, Palazzo Marino pensa alla mobilità pulita: più soldi da chi va coi mezzi pubblici. E denaro da chi lascia l’auto sulle strisce blu in periferia: bel modo di incentivare il trasporto pubblico. Voglio vederla la mobilità del futuro, a Milano, a dicembre, a zero gradi, in bici, e magari con un bimbo da accompagnare all’asilo o a scuola. Dicono che il rincaro degli abbonamenti era proprio necessario? Sarà. Ma allora quei 25 milioni di euro di Area C più 50 milioni di euro di multe, a che cavolo servono?!

Questa è una mobilità su misura per chi ha un pacco di soldi, abita in centro, non si sporca le scarpe. Una politica che poi verrà premiata al momento opportuno. Quel profilo di milanese dà già il voto a Pisapia, e glielo darà anche in futuro. Chi invece viene da fuori, i pendolari, ed è bastonato da Area C, strisce blu, abbonamenti stellari, non può votare. Non c’è perdita di consenso. È un modo furbo di fare politica: si prendono provvedimenti senza subirne le conseguenze negative. È una maniera per vincere facile, sulla pelle di chi non arriva a fine mese.

E sono tutti provvedimenti che vengono presi ad agosto. Proprio nel momento in cui la gente si stordisce di bomboloni sotto l’ombrellone, ed è poco attenta a quanto i politicanti vanno facendo. Da sempre, le scelte meno popolari si prendono ad agosto. Un’altra mossa molto politica del Comune di Milano. Complimenti.

di Ezio Notte @ 00:00


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.