OmniAuto.it

6 agosto 2012

Multa e ricorso Sicve Tutor: ma nei verbali sono riportati i vari aggiornamenti?

Per gli amici, 'o Tutòr

Dal 2004, il sistema Sicve Tutor è stato adeguato tecnologicamente. Con conseguenti omologazioni. Tutto in regola. Io però mi pongo una domanda: nei verbali di accertamento effettuati con il sistema Sicve Tutor dalla Polizia stradale, viene indicato il tipo di apparecchiatura che ha proceduto al rilevamento dei transiti? Viene detto se sono le spire induttive o i radar? Oppure viene indicata solo la prima omologa (che rappresenta un certo tipo di installazione con spire induttive e un determinato settaggio hardware e software
che soggiace a specifiche regole manutentive)?

Io multato automobilista ho diritto a sapere qual è il tipo di settaggio del sistema di rilievo del transito. Devo vederlo scritto nel verbale. Devo sapre gli aggiornamenti delle componenti (software e hardware) che gestiscono il sistema.

Solo così posso contestare specificamente il rilievo del transito alla base della contestazione dell’infrazione.

Il mio diritto a sapere, il mio diritto a fare ricorso in modo preciso. Non c’è solo il mio dovere di rispettare i limiti di velocità. O no?

di Ezio Notte @ 00:01


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. Gentile Enzo Notte, fa piacere trovare argomenti sui quali ci stiamo battendo, come ho detto in altre occasioni, è imbarazzante constatare con quanta facilità l’utente venga gabbato e turlupinato. Se aggiungiamo che tale sistema è stato poi sviluppato con i soldini del contribuente…questo è il massimo. Bisogna rispettare le leggi ed anche i limiti di velocità, svegliatevi, un verbale nullo e annullabile non si paga e si combatte, non solo per il diritto personale ma per quello di tutti.

    Commento by Alessandro Patanè — 6 agosto 2012 @ 16:33

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.