OmniAuto.it

25 ottobre 2011

Multe seriali per divieto di sosta: altro business per i Comuni

Soldi a palate

Le telecamere delle Ztl sono senz’altro il core business automobilistico di molti Comuni. Il perché è presto detto: possono dare multe seriali, basandosi su cartelli poco chiari. Ricordare la vicenda Ecopass e vie chiuse al traffico d’improvviso: i segnali oscuri e pieni di pannelli integrativi rettangolari facevano guadagnare un sacco di soldi al Comune. Foto, verbale, incasso guadagno. Ma c’è un secondo business che si affaccia: quello delle multe seriali, tipo Ecopass, a chi sosta in divieto. In buona sostanza, i Vigili ti possono dare la multa senza lasciare il verbalino di preavviso, che è un foglio di cortesia. Il tutto documentato con una fotocamera, che non dev’essere necessariamente omologata: uno Street Control (omologato) per la seconda fila o altro.

Lo ha confermato il ministero dei Trasporti con il parere numero 4719 del 20 settembre 2011: “Non sussiste alcun obbligo di documentare fotograficamente la violazione commessa”.

Così le multe possono divenire seriali: una multa il primo giorno, con il trasgressore non avvertito con verbale di cortesia; una multa il secondo giorno, una multa il terzo…

di Ezio Notte @ 00:01


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.