OmniAuto.it

1 agosto 2012

Multe Vergilius: ricorso vincente? La tesi di Alessandro sul problema omologazione

Ricorso contro le multe da Vergilius? Brivido!

Mi scrive Alessandro a proposito del nuovo Tutor, il Vergilius delle Statali, in merito ai miei dubbi sull’omologazione del Vergilius introvabile sul Web:

“Ho l’impressione che l’omologazione del Vergilius sia la stessa del Tutor senza spire. Il bando di gara DG 05/09 dell’Anas che riguardava proprio l’adozione di un sistema per il controllo della velocità media prevedeva l’omologazione del sistema in capo all’offerente; in questo caso Autostrade per l’Italia spa con il suo Sicve Tutor. Ma la cosa bizzarra è che Autostrade per l’Italia spa voltura tutte le omologhe in capo a se il 9 dicembre del 2010 (non si capisce per quale motivo o meglio si capisce molto bene) giustificando un affitto di ramo d’azienda ad Autostrade Tech spa (società che si aggiudicherà successivamente l’appalto da 150 milioni di euro per il sistema di pedaggiamneto in free flow di Anas spa).

“Il trasferimento dell’omologazione del 9 dicembre 2010 è un atto nullo, chiunque è stato sanzionato con sistemi omologati da Autostrade per l’Italia spa e poi trasferita tale omologazione ad Autostrade Tech spa può impugnare il verbale per nullità. Infatti, l’art. 45 del Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285 – Nuovo Codice della Strada – e successive modificazioni e l’art. 192 del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 – Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada – e successive modificazioni, regolano l’omologazione delle apparecchiature.

“Più precisamente, il comma 5 dell’art. 192 del Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada, recita testualmente che ‘la omologazione o la approvazione di prototipi è valida solo a nome del richiedente e non è trasmissibile a soggetti diversi’. Difatti l’omologazione trattaodosi di un diritto assoluto della personalità giuridica in questo caso è intrasmissibile. So per certo (perché sono stato interpellato al riguardo per un supporto tecnico giuridico sulla questione) che è stata costituitta un’associazione per promuovere una class action nei confronti di Autostrade Tech spa e della Polizia Stradale per la restituzione delle somme pagate sui verbali per le rilevazioni dal 9 dicembre 2010 a oggi.

“Se l’omologazione sarà la stessa per il Vergilius, i verbali sono nulli per nullità di omologa“.

Due considerazioni.

1) Autostrade per l’Italia può rispondere nei commenti o scrivendomi a ezio.notte at omniauto.it.

2) Dopo il disastro Area C, coi i guai del possibile annullamento delle multe e l’eventuale restituzione dei ticket versati, dopo la controversia Donnini-Autostrade sul Tutor, ecco i problemi del Vergilius. Il Grande Fratello, in qualunque forma ce lo propinino, non è senza difetti come descritto dai mass media.

di Ezio Notte @ 00:01


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. Caro Ezio,
    non credo Autostrade per l’Italia spa risponderà, forse qualcosa da Autostrade Tech spa cercaranno di arraffazzonare. Come per una concessione, l’omologazione è un diritto assoluto, questo è intrasmissibile. Tra l’altro trattasi di un trasferimento tra privati, non c’è stata alcuna deroga (come a volte interviene per legge) per pubblica utilità. Diciamo che è un trasferimento per privata utilità a scapito dei contribuenti tutti che con l’incasso che Autostrade per l’Italia spa per la concessione (siamo gli unici al mondo che le concessioni le paghiamo invece di farcele pagare) si sbizzarisce fa sperimentazioni, sfrutta brevetti altrui (vedi il caso Donnini). Ma c’è di più , sfrutta i propri fornitori, li mortifica e magari con aziende compiacenti fa azioni di concorrenza sleale. Questa è l’Italietta della P2 e delle lobby.

    Commento by Alessandro — 1 agosto 2012 @ 14:05

  2. ATTENZIONE OMOLOGA NULLA (SICVE) Vergilius (e SICVE TUTOR)
    Scusate se insisto ma l’eccessiova pubblicità al Vergilius mi produce queste reazioni. E’ bene che tutti sappiano che:
    Il sito del MIT dove è possibile rintracciare le omologhe dei sistemi di controllo della velocità è privo di tali documenti da 7 giorni (che caso!!!), l’omologazione del (Sicve) Vergilius è la stessa del (Sicve) Tutor quello senza spire induttive per capirsi (ossia è l’estensione di omologa orinale del sicve Tutor quella n.3999 del 24/12/2004 con la variazione/estensione di una componente hardware che si legge nel decreto n.4413 del 5 settembre 2011). Il bando di gara DG 05/09 dell’Anas che riguardava proprio l’adozione di un sistema per il controllo della velocità media prevedeva l’omologazione del sistema in capo all’offerente; in questo caso Autostrade per l’Italia spa con il suo Sicve Tutor. Cosa bizzarra è che Autostrade per l’Italia spa voltura tutte le omologhe in capo a se con il decreto n. 97818 del 9 dicembre del 2010 (un incomprensibile harakiri? o furbata all’italiana della serie io posso tutto?) giustificando con un affitto di ramo d’azienda ad Autostrade Tech spa (società che si aggiudicherà successivamente l’appalto da 150 milioni di euro per il sistema di pedaggiamneto in free flow di Anas spa DG 13/10). Il trasferimento dell’omologazione del decreto n. 97818 del 9 dicembre 2010 è un atto nullo, quindi chiunque sia stato sanzionato con sistemi omologati da Autostrade per l’Italia spa e poi trasferiti ad Autostrade Tech spa può impugnare il verbale per nullità ma c’è di più chi avesse pagato e gli fossero stati levati i punti patente può chiedere la restituzione delle somme e dei punti (ripeto solo quelli dopo il 9 dicembre 2010). Infatti, l’art. 45 del Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285 – Nuovo Codice della Strada – e successive modificazioni e l’art. 192 del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 – Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada – e successive modificazioni, regolano l’omologazione delle apparecchiature. Più precisamente, il comma 5 dell’art. 192 del Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada, recita testualmente che “la omologazione o la approvazione di prototipi è valida solo a nome del richiedente e non è trasmissibile a soggetti diversi”. Difatti l’omologazione rilasciata dal Ministero è esclusiva del richiedente vuoi persona fisica e vuoi persona giuridica, un diritto assoluto intrasmissibile. So per certo (perchè sono stato interpellato al riguardo per un supporto tecnico e giuridico sulla questione avendoci lavorato) che è stata costituitta un’associazione per promuovere una class action nei confronti di Autostrade Tech spa e della Polizia Stradale per la restituzione delle somme pagate per i verbali con rilevazioni di infrazioni da Sicve dal 9 dicembre 2010 ad oggi. Se quindi come io penso, l’omologazione è la stessa con cui il Vergilius può sanzionare, che dire degli spaventapasseri Vergilius e Tutor…non preoccupatevi…i verbali sono nulli per nullità di omologa e per chi ha già pagato c’è la possibilità di richiedere indietro soldi e punti patente.

    Commento by Alessandro Patanè — 2 agosto 2012 @ 14:54

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.