OmniAuto.it

11 febbraio 2011

Neopatentati: attenzione, il sito della Polizia sbaglia. Ma Google lo premia

Neopatentati e indicizzazione

Il sito della Polizia dà indicazioni sbagliate in materia di neopatentati (vedi foto accanto).

Dice: “I conducenti di autovetture, titolari di patente di categoria B rilasciata dall’1 gennaio 2010, per il primo anno dal conseguimento della patente stessa, non potranno condurre veicoli di elevate prestazioni (rapporto potenza-tara superiore a 50 kW/t)”.

In realtà, il Codice della strada, all’articolo 117, dice: “Ai titolari di patente di guida di categoria B, per il primo anno dal rilascio non è consentita la guida di autoveicoli aventi una potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 55 kW/t. Nel caso di veicoli di categoria M1, ai fini di cui al precedente periodo si applica un ulteriore limite di potenza massima pari a 70 kW”. La norma vale per chi ha conseguito la patente B dal 9 febbraio 2011.

Nulla di male. Semplicemente, il sito della Polizia non è stato aggiornato, e fa riferimento alla vecchia formulazione della norma. Una regola a dire il vero maledetta, che è stata scritta, riscritta, rimandata, posticipata, sino all’aborto attuale. Sarebbe stato meglio ucciderla subito.

I problemi sono due.

1) La data in basso è del 20 agosto 2010 (foto giù). La nuova legge è di fine luglio 2010. Quindi, strano che non ci sia stato l’aggiornamento sul sito. Mentre è comprensibile che compaia una multa sbagliata: 148 euro. No: sono 152 euro, dal 1° gennaio 2011, in base all’aggiornamento biennale delle sanzioni.

2) Il guaio grosso è che Google premia quel sito, con un’indicizzazione eccezionale. Scrivi “neopatentati” in Google, e il primo risultato è il sito della Polizia, con le norme sbagliate. Al secondo posto, ci siamo noi di Automobilista.it. Pazienza, siamo solo un blog piccolino.

di Ezio Notte @ 00:11


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.