OmniAuto.it

21 gennaio 2010

Niente nuovo Codice della strada: cari politici, non vi vergognate un po’?

Automobilista.it chiama: i politici di Roma rispondono?

Automobilista.it chiama: i politici di Roma rispondono?

Capiamo perfettamente che l’aria di Roma, e la città nel complesso, così fascinosa ed esuberante, rimbambiscano anche un robot. Siamo altrettanto consapevoli che il Codice della strada è materia per noiosi legulei intenti a diffondere interpretazioni capziose delle norme. Pur tuttavia, il nostro umile blog c’impone un dovere morale: quello di ricordare ai politici, fra una passeggiata al Colesseo e una sana mangiata in un ristorante tipico della capitale, che esistono anche gli automobilisti. Chiaro: non hanno la fortuna di portarsi a casa stipendi mostruosi come un politico di professione; ma avranno anche loro, poveri guidatori, qualche diritto.

E allora la domanda è: gentili onorevoli, vi rammentate di quel famoso Disegno di legge che doveva essere approvato prima dell’esodo estivo del 2009, e che poi è stato rimandato all’autunno di quell’anno, per essere infine posticipato a fine dicembre? Ebbene, il nuovo Codice della strada, ci permettiamo di ricordarvi noi di Automobilista.it, ancora non c’è. Resta tuttora nella mente degli dèi.

Intanto sulle strade si muore. L’alcol, proprio il nemico numero uno della sicurezza, la fa da padrone. E la tollerenza zero contro l’alcol prevista dal Disegno di legge? Nel dimenticatoio. Quanto sei bella Roma…

foto flickr.com/photos/cowboyneal

di Ezio Notte @ 23:13


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. […] d’ebbrezza alcolica: ecco uno dei nemici più terribili per la sicurezza stradale. Per questo, i politici da anni modificano il Codice della strada, nella speranza di arginare il fenomeno. Ma l’articolo […]

    Pingback by Ubriachi e guida: se la Legge è in stato d’ebbrezza | Automobilista.it — 25 gennaio 2010 @ 23:47

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.