OmniAuto.it

24 maggio 2010

Noi di Automobilista.it diciamo no agli integralisti del Tutor

Tutor, profumo di soldi

Tutor, profumo di soldi

I post critici verso il Tutor trovano subito avvocati difensori del celeberrimo sistema per calcolare soprattutto la velocità media. L’esempio più recente? Visto che i Tutor arriveranno anche in città, alla nostra critica sul mistero dei soldi incassati dallo Stato (e in futuro dai Comuni) grazie al Grande Fratello, il lettore risponditoreautomatico ci dice: “Rispettate i limiti, e i Comuni non faranno cassa”.

Noi non amiamo gli integralisti del Tutor, specie quelli che fanno finta di non vedere né sentire. Comunque, apriamo gli occhi al lettore, che evidentemente vive nel paese delle favole. Allora: molti dispositivi elettronici piazzati in città presentano un difetto, più o meno grosso. E cioè, non sono segnalati a dovere. È così che diversi Comuni ripianano i loro debiti: piazzando una macchinetta non segnalata in modo adeguato, magari su una strada dove il limite potrebbe essere abbondantemente superiore a quello del cartello. Insomma, una trappola.

Visto che gli agguati i Comuni li facevano con gli autovelox, adesso è legittimo temere che li facciano anche con i Tutor. Oltretutto, mischiare le carte e non farti capire più niente è piuttosto semplice: il Tutor sarà costretto a calcolare la velocità media su tratti dove i limiti sono diversi. Prova tu a contestare quella multa: cosa fai, calcoli la velocità media su tre tratti? Serve uno studio scientifico per fare ricorso al Giudice di pace?

foto flickr.com/photos/howardlake

di Ezio Notte @ 22:41


3 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 3 Commenti

  1. Non credo di essere un integralista del tutor.
    Penso che sia un dispositivo utile per rendere più sicure le nostre strade,migliore dell autovelox che si limita a “fotografarti” in un determinato istante,quando magari hai superato il limite per distrazione oppure dopo un sorpasso.Teoricamente un vantaggio in più per l automobilista…praticamente nessun alibi dietro il quale nascondersi per evitare di pagare la multa.
    Non vedo la difficolta nel calcolare la media su tratti di strada diversi.
    Un km di strada con limite 50km/h,un altro km con limite 90km/h,tutor sui due km con multa oltre i 75 anzi 80km/h perchè 5 km/h si abbuonano sempre.
    Questo significa anche poter viaggiare a 80 all ora su tutto il tragitto superando di ben 30km/h il limite nel primo tratto.E vi lamentate?
    Se poi i limiti in alcune strade sono troppo bassi…bhe… bisogna rivolgersi al comune di competenza e non prendere la cosa a pretesto per evitare ogni tipo di controllo.
    Stop

    Commento by risponditoreautomatico — 26 maggio 2010 @ 15:05

  2. mmmm…i 75km/h comprendevano già l abbuono.
    Vabbe…potete fare l intero tratto agli 80 di tachimetro che si sà…segna sempre qualcosa in più :)

    Commento by risponditoreautomatico — 26 maggio 2010 @ 15:40

  3. […] invece un altro apparecchio specializzato in multe seriali: il Tutor. Facciamo un […]

    Pingback by Tutor, però quelle multe seriali ci nauseano | Automobilista.it — 26 maggio 2010 @ 22:38

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.