OmniAuto.it

2 luglio 2011

Nuova accisa: due conticini per voi

Eurodisintegrati

Molti paludati quotidiani fanno notare che, dal 28 giugno, le accise su benzina e gasolio sono aumentate di quattro eurocent/litro. È così? Sì. C’è un però. Quelle accise, ecco cosa i quotidiani dimenticano di sottolineare, vanno addizionate dell’Iva del 20%: totale 4,8 eurocent/litro (circa 93 delle vecchie lire). Se non ci metti l’Iva nel calderone, è a mio giudizio un modo di sparare i dati molto infantile.

Ancora: l’obiettivo, dicono i quotidiani di cui sopra, è fronteggiare situazioni di emergenza di rilevanza nazionale. È così? Sì È l’emergenza profughi. Si deve fronteggiare lo stato di emergenza umanitaria nel territorio nazionale in relazione all’eccezionale afflusso di cittadini appartenenti a Paesi del Nord Africa”. Ma è un’emergenza. E quindi, passata l’emergenza, dovrebbe in teoria sparire la tassa. Se invece resta, è una presa per i fondelli. Vogliamo dirlo, questo?

Infine. L’aumento va ad aggiungersi a quello già del 6 aprile (0,73 eurocent/litro + Iva) per il sostegno al Fondo unico per lo spettacolo. Più, dal 1° luglio, con la medesima finalità di aprile, 0,2 eurocent/litro addizionati di Iva.

Conticino finale: dal 6 aprile, l’aumento al 1° luglio è stato di 0,059 euro/litro, diventano 0,071 con l’Iva: 138 lire al litro. Che ennesimo schiaffo. Passato un po’ in sordina.

di Ezio Notte @ 22:46


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. Le vorrei far notare un aspetto che è lo specchio della situazione. Abito e lavoro nel famigerato ( autovelox) comune di Fiumicino. Da qualche anno e adesso più che mai , sono pochissime le barche a motore , diesel e benzina che escono nei w.end per la passeggiata e la pesca.Tradizionalmente a luglio le banchine interne al fiume si svuotavano poichè molti “armatori” trasferivano le loro unità a Ponza, Elba, Argentario, Sardegna; adesso sono tutti lì fermi in banchina…. a lustrare oblò e ottoni…

    Commento by riccardo — 4 luglio 2011 @ 16:50

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.