OmniAuto.it

20 luglio 2010

Nuovo Codice della strada: benvenuti al teatrino parlamentare italiano

Disegno di legge sulla sicurezza oppure spettacolo teatrale?

Non ci piace come si stanno comportando i politici italiani. Addirittura, potremmo essere di fronte a uno scontro Camera versus Senato.

Ecco la storia.

A metà 2009, la Camera approva le norme sul nuovo Codice della strada e le gira al Senato, con la richiesta di dare l’ok entro l’esodo estivo. Il Senato risponde alla Camera: calma, sono norme importanti, su cui riflettere. Dopodiché, il Senato apporta diverse modifiche (emendamenti) al Disegno di legge e lo passa alla Camera. Questa fa altri emendamenti, che arrivano al Senato un po’ tardi: il Senato dovrebbe dare il via libera a luglio 2010, ma c’è disappunto per la trasmissione tardiva del Ddl 44-B (1720-B al Senato) da parte della Camera.

In particolare, il senatore Filippi lamenta l’inserimento di emendamenti peggiorativi all’interno del testo licenziato a maggio dal Senato, nonché l’avvio dell’esame a ridosso della pausa estiva.

A questo punto, l’entrata in vigore della Legge sulla sicurezza stradale potrebbe slittare. O al massimo entrare in vigore con Decreto del Governo, che rimedierebbe ai “bisticcini” fra Camera e Senato.

Ci cadono le braccia.

Grazie per la segnalazione a Valerio Platia, insegnante di circolazione stradale e istruttore di guida.

foto flickr.com/photos/alancleaver

di Ezio Notte @ 23:02


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. […] Leggiamo invece con estremo fastidio che il nuovo Codice della strada (forse in vigore dal 1° agosto 2010) diverrà ancora più complicato. Impossibile, direte voi: è già scritto in burocratese […]

    Pingback by Nuovo Codice della strada: l’Italia diventa una nazione sempre più complicata, con regole della circolazione scritte in burocratese. Il contrario di quel che serve | Automobilista.it — 21 luglio 2010 @ 23:26

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.