OmniAuto.it

3 giugno 2010

Nuovo Codice della strada: come un film bizzarro, fra Camera, Senato e sesso

Nuovo Codice della strada: ce la faremo mai?

Nuovo Codice della strada: ce la faremo mai?

Il Senato ha proposto innumerevoli emendamenti al Disegno di legge sulla sicurezza stradale (nuovo Codice della strada) passatogli dalla Camera. Ma questa è stata drastica; sentite Valducci: “In seconda lettura possono essere ritenuti ammissibili, al di là di ogni valutazione di merito, soltanto gli emendamenti che intervengono su parti dell’articolato modificate dal Senato”. Ossia: la Camera ha approvato un testo, poi trasmesso al Senato; non modificherà il testo che già inizialmente era ok per la Camera, nonostante gli emendamenti del Senato.

Volete sapere uno di questi emendamenti? “È in ogni caso vietata l’apposizione di cartelli e manifesti pubblicitari che comportino un disconoscimento o una mercificazione del ruolo e dell’immagine della donna”.

Bizzarrie italiche a luci rosse.

di Ezio Notte @ 00:01


3 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 3 Commenti

  1. ……queste sono le persone che poi ci tagliano gli scatti di anzianità ,le pensioni, la sanità. Loro non si tagliano niente. Capite chi andiamo ad eleggere?

    Commento by roberto — 3 giugno 2010 @ 21:52

  2. […] anche in auto. Con norme severe e controlli sulle strade, siamo spinti a stare più attenti alle regole della circolazione. Ma se uno cade in errore due volte, è consigliabile toglierla quella maledetta […]

    Pingback by Nuovo Codice della strada: recidiva, salvaci tu | Automobilista.it — 5 giugno 2010 @ 22:34

  3. […] mitico, leggendario, nuovo Codice della strada che tutti noi automobilisti attendiamo da Pasqua 2009, dopo essere stato rimandato, […]

    Pingback by Sfinimento da Codice della strada | Automobilista.it — 8 luglio 2010 @ 23:47

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.