OmniAuto.it

28 marzo 2011

Omicidio stradale: perché non è una proposta forcaiola

Bevi guidi e uccidi senza volerlo? Bugia

Mario Valducci, presidente della commissione Trasporti della Camera, vuole introdurre l’omicidio stradale. Sono perfettamente d’accordo, e intendo tranquillizzare le verginelle che già si strappano le vesti. Oggi se io mi ubriaco, poi mi drogo, quindi mi metto al volante, e metto sotto una persona uccidendola, la pena è lieve. Il motivo? Siamo nell’àmbito dell’omicidio colposo, che possiamo sintetizzare in un fatto dovuto a estrema imprudenza.

Cavolata assurda. Se mi ubriaco e mi drogo, e poi uccido, l’ho fatto apposta: è omicidio doloso. Le pene salgono, ed è giusto così.

Gli ipocriti che si batteranno contro l’omicidio stradale non hanno mai avuto fra i familiari una vittima di un pirata della strada ubriaco, uno di quei bastardi che si fa di alcol e cocaina e poi guida. Serve provare quelle angosce prima di parlare.

foto flickr.com/photos/andertoons-cartoons

di Ezio Notte @ 23:14


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.