OmniAuto.it

22 marzo 2010

Pasqua 2010, un anno senza nuovo Codice della strada: evviva i nostri politici!

Sorpresa pasquale: niente nuovo Codice!

Sorpresa pasquale: niente nuovo Codice!

Correva l’anno 2009, e cadeva grosso modo Pasqua. All’epoca, s’iniziò a parlare di nuovo Codice della strada. Venne così creato un Disegno di legge per combattere le morti in auto: nel mirino, soprattutto gli ubriachi. I nostri politici perentoriamente affermarono: al massimo, ma proprio al massimo, prima dell’esodo estivo via al nuovo Codice della strada, così a luglio e agosto ci sarà meno sangue sull’asfalto.

Passano i mesi, arriva qualche rinvio, si posticipa l’entrata in vigore del nuovo Codice della strada, il Parlamento discute del Disegno di legge, e tra una chiacchierata e l’altra si arriva al 2010. Grandi battaglie sull’alcol, con ministri a difesa del vino e contro la tolleranza zero per i neopatentati (multa ai giovani che guidano con un goccio d’alcol nel sangue). Si giunge infine a Pasqua 2010.

Ora ci sono le elezioni regionali: i politici sono alle prese con calcolatrice, bilancini, comizi, tutto per far quadrare i conti dei voti, assatanati per via della sete di potere. E la sicurezza stradale? I morti in auto? I giovani ubriachi che si schiantano il sabato sera? Calma, prima dell’esodo estivo 2010 tutto sarà pronto! Basta crederci.

Il fatto è che poi rompono le balle agli automobilisti con la solita litania: un popolo di indisciplinati, non rispettano le regole, corrono troppo. Cominciassero i politici a rifare il Codice della strada e a costruire infrastrutture decenti…

foto flickr.com/photos/j-pocztarski

di Ezio Notte @ 23:53


4 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 4 Commenti

  1. Il problema non è rifare il Codice della Strada ma farlo razionale , chiaro ,intellegibile,e che non dia adito ad “interpretazioni” fantasiose o di parte.
    Per la nostra indisciplina?….bastano i velox,tred,tutor,ec.ecc.

    Commento by antonio — 23 marzo 2010 @ 19:36

  2. […] novità che riguarda la guida in stato d’ebbrezza. Non può essere sequestrata l’auto di proprietà del papà, se il figlio si mette al volante […]

    Pingback by Il figlio ha il vizio di guidare ubriaco? Niente sequestro dell’auto di papà. Non siamo d’accordo | Automobilista.it — 30 marzo 2010 @ 21:11

  3. […] la riforma del Codice della strada? Si sta spegnendo lentamente, come un malato terminale, in […]

    Pingback by Le colpe dei politici: un Codice della strada che viene perforato. Il caso alcol mezzo grammo | Automobilista.it — 2 aprile 2010 @ 14:06

  4. […] più pesante, definendo una “cazzata” la tolleranza zero. Il motivo? Nel Disegno di legge agonizzante al Senato, c’è una norma che vieta ai neopatentati di bere alcol prima di guidare; per loro, […]

    Pingback by Appello di Automobilista.it. Alcol e guida: signor ministro della Salute, Ferruccio Fazio, risponda al ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Luca Zaia | Automobilista.it — 12 aprile 2010 @ 22:20

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.