OmniAuto.it

10 marzo 2010

Passaggio col semaforo rosso: il buon senso imporrebbe di valutare solo la durata della luce gialla

Uh, un giallino con sorpresa per te!

Uh, un giallino con sorpresa per te!

Qual è uno dei trucchi dei Comuni per fare cassa? Quello di piazzare telecamere ai semafori che beccano chi passa col rosso, per poi inviare a casa del proprietario del veicolo la multa (150 euro e sei punti). Be’, direte voi: il trasgressore se l’è andata a cercare. Eh no, molto spesso il malcapitato è vittima di una fregatura.

Il trucco è semplice. Il Comune fa durare la luce gialla un paio di secondi al massimo, tre quando va bene. Così non hai tempo neanche di realizzare come ti chiami, e passi col rosso pensando di attraversare l’incrocio col giallo. Peggio ancora se, alle tue spalle, arriva un altro veicolo che quasi ti “spinge” a impegnare l’intersezione: in questo modo, eviti di essere brutalmente tamponato.

Il problema è che adesso in tanti discutono sulle foto fornite dai Comuni ai Giudici di pace, per difendere le proprie multe contestate dagli automobilisti. Queste foto farebbero vedere che l’auto passa col rosso. E a volte il passaggio col rosso non sarebbe neppure tanto chiaro, per via di fotogrammi storti, colori sfocati, scritte piccole quanto insettini schifosi, lanterne sbiadite tipo film horror.

Sì, ma noi di Automobilista.it ci chiediamo: chi se ne frega delle foto dell’apparecchio che ha beccato il guidatore? Noi speriamo che il Giudice di pace, di volta in volta, giudichi in base al buon senso. Ossia: una luce gialla che dura meno di due secondi è una porcata, e la multa andrebbe annullata. Se invece il Giudice ragiona in base alla legge (che consente ai Comuni di regolare a piacimento la luce gialla), siamo spacciati.

foto flickr.com/photos/31878512@N06

di Ezio Notte @ 01:03


3 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 3 Commenti

  1. In effetti dovrebbe essere scritto e ben chiaro sul codice della strada la durata del giallo e la stessa andrebbe quantificata con un contasecondi visibile per poter capire il tempo di frenata. Ma essendo il codice della strada italiano scritto con i piedi per non dire di peggio , ci ritroviamo tutti a discutere e blaterare sulle sozzerie dei comuni. Non abbiamo scampo in questa nazione “anormale”.

    ps: sono stato tamponato TRE (3); volte sempre allo stesso semaforo di Torreinpietra ( Fiumicino) per aver rallentato qualche attimo prima del giallo o essermi fermato con il giallo!!!!

    Commento by francesco — 10 marzo 2010 @ 22:28

  2. […] soldi dal portafogli: Zone a traffico limitato mal segnalate, apparecchi al semaforo con una luce gialla brevissima, autovelox con cartelli di preavviso che farebbero impallidire i villaggi dell’Africa centrale. E […]

    Pingback by In Russia, l’ostacolo principale alla sicurezza stradale è la corruzione. Ma perché: in Italia no?! | Automobilista.it — 11 marzo 2010 @ 00:59

  3. […] trucco? Per l’accusa, era stato fissato dolosamente in quattro secondi il tempo di durata del semaforo giallo: impossibile da rispettare per uscire da un incrocio senza passare col rosso. Così ti […]

    Pingback by Un po’ di sano razzismo alla rovescia: quando i Comuni del Nord Italia si associano per truccare i semafori | Automobilista.it — 27 aprile 2010 @ 21:49

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.