OmniAuto.it

10 maggio 2013

Punti della patente: ma di quale diavolo di numero verde parla il ministero dei Trasporti?

Ma quale numero verde d'Egitto

Dice il ministero dei Trasporti, con circolare 11490 dell’8 maggio 2013:

Come è noto, l’art. 6, comma 1 del D.M. 29 luglio 2003 recante ‘Programmi dei corsi per il recupero dei punti della patente di guida’ (G.U. 6 agosto 2003 n. 181) come modificato dal D.M. 30 marzo 2006 (G.U. 3 maggio 2006, n. 101) prevede che ‘non è possibile iscriversi ad un corso se non si è prima ricevuta la comunicazione, da parte del Dipartimento dei trasporti terrestri, di decurtazione del punteggio’. Sulla mancata ricezione della detta comunicazione e le conseguenze in termini di impossibilità di iscriversi ai corsi di recupero si è sviluppato un notevole contenzioso che ha portato ad un orientamento della giurisprudenza amministrativa che introduce una interpretazione ‘adeguatrice’ della sopradetta disposizione regolamentare nel senso che deve essere consentito l’accesso ai corsi di recupero anche a coloro che, pur in assenza della detta comunicazione, comprovino l’avvenuta conoscenza della decurtazione già operata dagli Organi accertatori nei loro riguardi tramite il report del Portale dell’automobilista o il numero verde”.

Perfetto. Il ministero dei Trasporti parla di numero verde. Ossia gratuito. Che sarebbe l’848782782. Già, peccato che la telefonata possa essere effettuata solo da apparecchio fisso e abbia il costo di una chiamata urbana secondo le tariffe del proprio gestore telefonico.

Occhio: ogni volta che chiami, paghi. Non è un giochino. Poi la bolletta lievita e sono dolori. Strano che il ministero cada in questo grave errore. Sono cose che si sanno dal 2003, cioè da quando c’è quella roba inutile che è la patente a punti (anche se forse a qualcuno serve per fare soldi…). Solo il ministero non ne è a conoscenza. Affascinante che i quotidiani online non l’abbiano fatto notare, tutti intenti a copiare e incollare la circolare. Ci vuole un blogghino di campagna come questo per mettere in guardia gli automobilisti?

di Ezio Notte @ 00:00


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. Molto bello il blog… pero’ aspetto nuovi post, e’ da troppo tempo che non ci sono aggiornamenti. Vabbe’, intanto mi iscrivo ai feed RSS, continuo a seguirvi!

    Commento by elisa — 6 giugno 2013 @ 00:13

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.