OmniAuto.it

25 aprile 2011

Punti tolti ai ciclisti: ma quando la finiranno i mass media?

Bici? Il Codice della strada non prevede il taglio di punti

Il fenomeno è affascinante. Estate 2009, nuova legge: via i punti-patente ai ciclisti che passano col rosso o guidano la bici col telefonino in mano (o che commettono altre infrazioni con decurtazione di punteggio). Estate 2010: quella legge viene cancellata. Dopodiché, un milanese (qualche giorno fa) e ora un tizio nel Cosentino prendono multe col taglio di punti-patente scritti nei verbali. La sanzione in euro è giusta, ma gli agenti delle Forze dell’ordine sbagliano a indicare il taglio di punti. Cosa fanno i mass media? Senza battere ciglio, copiano e incollano un lancio d’agenzia: ciclista col taglio di punti-patente. E chi se ne fotte se la multa è sbagliata. Serve fare visite per il sito, suvvia.

La reputo una cosa scandalosa. Ogni tanto, un agente delle Forze dell’ordine può sbagliare. È inammissibile che un media importante dia un’informazione scorretta: ha l’obbligo morale di scrivere che il taglio di punti non è previsto dal Codice della strada. Altrimenti un media è inutile: uno legge direttamente il lancio d’agenzia, senza il filtro del grande giornale.

Non c’entra un cavolo la questione morale: il ciclista che si inquieta perché potrebbe andare in bici senza patente. Qui è solo faccenda da Codice della strada, che non prevede il taglio di punti per il ciclista. Chiuso.

Questo è un blog che difende gli automobilisti. Ma anche i ciclisti vanno rispettati. Quindi, il mio consiglio: il ciclista vada dal Comando dell’agente e si faccia modificare il verbale. Oppure s’incazzi di più: ricorra al Giudice di pace, si faccia cancellare il taglio di punti, chieda i danni da stress a chi ha dato la multa (Comune, ministero) che l’ha sanzionato. Che io indico in 1.000 euro.

di Ezio Notte @ 01:13


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.