OmniAuto.it

21 febbraio 2010

Quando i mass media ballano on ICE: mezza bufala

ICE: i nostri dubbi che serva davvero...

ICE: i nostri dubbi che serva davvero...

C’era su un numero enorme di giornali e siti: per rendere più facili i soccorsi in situazioni d’emergenza, metti nella rubrica del cellulare il numero d’una persona. Chi? Papà oppure mamma, moglie, figlio, fidanzata, amico, amante; uno di cui ti fidi. Motivo: è il primo che deve sapere se stai male o stai crepando. Lui sarà il primo a venire a conoscenza che sei stato coinvolto in un incidente stradale. Oppure, chessò, che sei nelle rogne per un motivo qualsiasi. E, in rubrica, come lo soprannomini questo tizio da avvisare? ICE, In Case of Emergency, In caso d’emergenza. Il tutto sarebbe partito dietro raccomandazione della nostra Protezione civile.

Alla base di questo ICE, starebbe un’esigenza degli operatori delle ambulanze: non sanno chi contattare fra i numeri memorizzati nella rubrica della vittima. Invece, se metti ICE in rubrica, lo contattano al volo.

Mah… se vi sentite più tranquilli, mettetelo pure ’sto ICE in rubrica. Ma tenete presente tre aspetti.

a) Non sappiamo se un operatore dell’ambulanza abbia tanta voglia di mettere in naso nella vostra rubrica, col rischio di beccarsi una denuncia per violazione della privacy. Voi non avete idea di quanti fastidi legali hanno i soccorritori se cincischiano con le cose private altrui, dal portafogli all’agendina.

b) Il soccorritore avverte ICE. Embé? ICE che fa, un’operazione chirurgica volante? Cioè: qual è l’utilità di ICE? E se ICE si agita e fa solo casino andando in panico?

c) Io sono un soccorritore: fra le mille cose utili da fare per te, quella di cercare ICE è proprio l’ultima. ICE o mammà saranno avvisati con calma, a tempo debito, e magari con valutazioni oggettive delle condizioni della vittima.

foto flickr.com/photos/ywds

di Ezio Notte @ 18:27


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.