OmniAuto.it

25 agosto 2010

Ragionamenti sballati

Piano col mito della velocità

Velocità, uso del telefonino al volante e guida in stato d’ebbrezza sono le principali infrazioni contestate agli italiani sulle strade nel periodo del controesodo. Parola della Fondazione Ania per la sicurezza stradale. E fin qui siamo d’accordo. Ma poi la Fondazione dice che l’eccesso di velocità risulta il peggior vizio degli italiani al volante, come dimostrano i dati relativi alle contravvenzioni degli ultimi tre fine settimana di agosto. In totale nel 2009 sono state elevate 13.083 multe, 4.915 delle quali per eccesso di velocità e 442 per guida in stato di ebbrezza. Noi di Automobilista.it non siamo d’accordo: in realtà, autovelox e Tutor fanno inevitabilmente salire il numero di multe per eccesso di velocità. Se ci fossero autovelox e Tutor per altre infrazioni, allora anche queste aumenterebbero d’incanto. È un po’ come quando si dice che le Panda sono le auto più rubate: ma grazie, sono le più diffuse.

Comunque, molti i rischi legati alla guida distratta, con gli automobilisti che utilizzano dispositivi elettronici e telefonini mentre sono al volante: 755 contravvenzioni contestate nel 2009. In generale, si è registrato un calo delle infrazioni accertate: l’eccesso di velocità, rispetto agli stessi fine settimana del 2008, è sceso del 6,8%, l’uso del cellulare senza auricolare o vivavoce del 20,9% e la guida in stato d’ebbrezza dell’8,5%.

di Ezio Notte @ 00:44


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. […] al convegno “Viaggiare sicuri: la vita è una cosa meravigliosa”, organizzato dalla Fondazione Ania per la sicurezza stradale presso il Meeting di Rimini: “Ringrazio particolarmente la […]

    Pingback by Ministro Matteoli, scusi, quali sono i frutti? | Automobilista.it — 25 agosto 2010 @ 01:05

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.