OmniAuto.it

24 ottobre 2012

Rc auto, agenti: possono collaborare. Occhio: le Assicurazioni si metteranno di traverso in Parlamento?

Rca, massima allerta

Se c’è una, dico una, norma giusta che ha introdotto il Governo Monti, ebbene questa è contenuta nel Decreto sviluppo bis. Salta infatti il divieto di collaborazione fra agenti. In termini semplici, se l’agente A non trova una Rca adatta a un cliente, lo dirotta all’agente B, che avrà una Rca adeguata. Questo a prescindere dal fatto che l’agente sia monomandatario (rappresenta una sola Assicurazione) o plurimandatario (più Assicurazioni).

Massima attenzione a me, prego: la collaborazione tra intermediari è ritenuta dagli stessi, ma anche dall’Antitrust, il vero motore della concorrenza. Dopo la Legge Bersani, che vietava i patti di esclusiva, le Compagnie erano riuscite a blindare le proprie reti con patti di fidelizzazione di dubbia legittimità. Ora il legislatore ha finalmente vietato questi patti, permettendo agli intermediari di collaborare “anche con utilizzo dei rispettivi mandati”. Tanto di cappello al Governo dei Tecnici, perché non è vero che qui si parla sempre e solo male di tutto e di tutti. Se c’è da fare un elogio, non ci si sottrae.

Ciascuna Compagnia sarà addirittura tenuta ad adottare una piattaforma informatica compatibile con quelle di tutte le altre, proprio per permettere l’effettiva emissione delle polizze a ogni intermediario che stipuli un accordo di collaborazione con il proprio collega. Con effetti positivi per le Rca, che caleranno.

Tutto questo non va giù alle Assicurazioni. Che sono aziende per macinare profitti, e non enti di beneficenza cui sta a cuore il ribasso delle tariffe Rca. E qui è il problema: lo dico io prima dei quotidiani, che sonnecchiano in attesa delle abboffate natalizie. La potentissima lobby delle Compagnie (più che legittima) potrebbe mettere lo zampino e riuscire a stravolgere la norma in sede di conversione in Parlamento. Sì, la lotta si sposta alla Camera e, a mio avviso, soprattutto al Senato: è qui che le Assicurazioni potrebbero sferrare il loro attacco per far cancellare una regola sacrosanta. E in Parlamento quali carte possono giocarsi gli automobilisti? Zero. Ecco il guaio.

di Ezio Notte @ 00:00


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. la realtà è quella di compagnie assicurative italiane in profondo rosso, nonostante le coperture siano le più costose d’europa. Noi raccomandiamo ai clienti di fare dei preventivi precisi ed adeguati, cosa che non è raggiungibile con i preventivatori online dove si possono inserire soltanto pochi dati. Le forme migliori di preventivi derivano dalle consulenze di agenzie plurimandatarie, il nostro blog RCAiUTO è un esempio di valida alternativa, gratuita ed efficiente. la prima possibilità di risparmio è data dalla conoscenza dei parametri da sfruttare a proprio vantaggio.

    Commento by RCAiUTO — 24 ottobre 2012 @ 12:39

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.