OmniAuto.it

21 giugno 2014

Rc auto elettronica: che pagliacciata italiana

Le chiacchiere dei politici

Se in Germania succedesse una cosa del genere, l’indomani mattina i responsabili sarebbero tutti a casa. Col curriculum così sporcato e zozzo che non troverebbero posto neppure per abbaiare alla Luna. Ma siamo in Italia, e al politico medio basta fare un annuncio in tv, con un tg compiacente, per farsi bello. La sparata riguarda i controlli elettronici della Rc auto. Siccome siamo in quattro milioni senza Rca, qui in Italia, allora eliminiamo il contrassegno cartaceo. Al suo posto, un tagliando elettronico. Il poliziotto – con un dispositivo ultra-moderno – verifica al volo se l’auto ha la Rca. Oppure una telecamera controlla se la macchina ha la polizza. Tutto in automatico. Un Grande Fratello che non perdona. Un “Person of Interest” in salsa italiana. Un mega-Robocop che ti appioppa le multe.

E allora, l’annuncio politico era: gli evasori della Rca hanno la vita breve. Li bracchiamo. Sono circondati. Si arrendano ed escano a mani alzate finché sono in tempo.

Poi, nelle scorse ore, arriva una circolare del ministero dell’Interno. Pare scritto da una squadra di burocrati che in un’altra esistenza facevano le guardie di confine in Bulgaria. Occorre decifrarlo. In ogni caso, mancano i soldi per il Grande Fratello elettronico. La Polizia non può accedere a un proprio archivio elettronico. Per scovare gli evasori, avrà la stessa banca dati a disposizione degli automobilisti: quella del Portale dell’automobilista. Che fa parte del ministero dei Trasporti. E che viene costantemente aggiornato dalle Assicurazioni. O almeno così il ministero garantisce.

Che pena. Che squallore. L’annunciata battaglia all’evasione Rca, con l’elettronica ultra-moderna fornita dai politici alla polizia, si rivela subito un pacco grosso come una casa. Occhio al secondo pacco in vista. Così come gli evasori truccano il contrassegno cartaceo, potrebbero anche truccare la banca dati del Portale dell’automobilista. Il quale, attenzione, in passato è più volte andato in tilt, per la disperazione delle agenzie di pratiche auto e delle autoscuole.

Chiudo con una domandina. Qualcuno di voi ha sentito qualche tg dire che i controlli elettronici della Rca partono già zoppi, e che quindi gli annunci dei politici erano solo bufale?

di Ezio Notte @ 18:26


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.