OmniAuto.it

18 novembre 2009

Rc auto: fate pagare le truffe ai disonesti!

Incidenti inventati, una piaga italiana

Incidenti inventati, una piaga italiana

Ti arriva a casa la lettera di un’Assicurazione: dice che tu sei responsabile di un incidente stradale, causato una settimana fa. Il fatto è che tu, nel giorno del sinistro indicato nella missiva, sull’auto neppure ci eri salito. Né era stata guidata da altri. È una truffa: chi la architetta vuole prendere il risarcimento della Compagnia. Che fare in questi casi?

Attivarsi immediatamente. Contattare il proprio assicuratore. Trovare testimoni e prove di diverso genere che tu, al momento dell’incidente, non stavi guidando la tua vettura.

Infatti, proclamando e dimostrando rapidamente la tua innocenza, raggiungi tre obiettivi.

a) Eviti di salire di due classi di merito al momento del rinnovo della Rca annuale: niente sostanziosi aumenti tariffari.

b) Fai del bene alla collettività: se l’Assicurazione rimborsa i truffatori, questo andrà a incidere potenzialmente su tutte le tariffe Rc auto di chi vive nella tua stessa zona.

c) Mandi in galera una banda di truffatori.

Volete un esempio recente? Nei giorni scorsi, i Carabinieri di Vibo Valentia (Calabria) hanno denunciato 21 persone per una truffa del genere. L’indagine è partita a luglio, quando un automobilista ha ricevuto un avviso da un’Assicurazione: la sua Fiat 500 era responsabile di un fantomatico incidente (“apertura di fascicolo di sinistro”).

Su denuncia dell’uomo, mai responsabile di alcun incidente, i Carabinieri sono risaliti alla scoperta di addirittura otto sinistri simulati: soldi a bizzeffe, fra danni alle auto e lesioni fisiche da rimborsare.

Ma l’Italia riuscirà mai a eliminare la piaga delle frodi assicurative?

foto flickr.com/photos/chadmagiera

di Ezio Notte @ 23:36


6 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 6 Commenti

  1. […] di matematica o sociologi da talk show per capirlo: la recessione farà salire il numero di frodi. E con queste rincareranno le Rc […]

    Pingback by Perché i colpi di frusta aumenteranno | Automobilista.it — 20 novembre 2009 @ 00:46

  2. vorrei lasciare un commento facendo una domanda!! mio papà ha fatto un’incidente mentre andava a lavoro, adesso spiego:
    mentre guidava, davanti a lui un’altra auto si è fermata di colpo facendo bocciare mio papà dietro!! senza recare danni nè a vettura nè alla persona, sceso dalla macchina chiese se tutto era apposto e la persona rispose che andava tutto bene, così non chiamarono l’ambulanza e i carabinieri!! mio papà ha lasciato tutti i dati alla persona, dopo quattro giorni mio papà è stato chiamato dal marito della signora dell’incidente, non volendo l’assicurazione della vettura perchè era di vecchia data e non risarcivano i danni ( nessun danno, ma minacciandolo di voler l’assicurazione per la moglie per un “colpo di frusta” al collo!!! adesso è arrivata una lettera a noi, dove dobbiamo risarcire i danni della vettura della persona!! volevo saper come si può risarcire i danni di una vettura che non ha subito danni?? è una truffa???? rispondetemi!!! grazie

    Commento by terry — 20 novembre 2009 @ 19:04

  3. scusate mi sono dimenticata di aggiungere una cosa al mio primo commento!! volevo dire CHE LA LETTERE PER RISARCIRE I DANNI è ARRIVATA DOPO DUE MESI!! c’è una scadenza??

    Commento by terry — 20 novembre 2009 @ 19:07

  4. LA prescrizione per sinistri RCA scatta dopo 2 anni.

    Commento by Renzo Fain Binda — 23 novembre 2009 @ 10:07

  5. […] auto, specie nelle Regioni con il maggior numero di incidenti. Le conseguenze vere ricadono sull’automobilista, che si vede rincarare la Rca pur in assenza di incidenti con […]

    Pingback by Truffe Rca: niente numeri certi? Un boomerang per l’automobilista onesto | Automobilista.it — 24 novembre 2009 @ 00:03

  6. Grazie mille per aver risposto!!

    Commento by terry — 25 gennaio 2010 @ 17:21

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.