OmniAuto.it

7 marzo 2014

Rc auto, fortissimamente Simona Vicari

Ancora lei!

Rieccola. Si staglia all’orizzonte Simona Vicari. Sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico col Governo Letta, è stata una delle artefici del pasticcio “decreto Destinazione Italia”. L’articolo 8 di quel decreto era scritto coi piedi: un serie clamorosa di regali alle Assicurazioni in cambio di sconticini ridicoli. Un articolo 8 concepito così male che la commissione Giustizia l’aveva disintegrato. In particolare, il risarcimento in forma specifica sostanzialmente obbligatorio, con l’automobilista spinto nelle braccia del carrozziere convenzionato con la Compagnia, era un gentile omaggio alle Assicurazioni, evidentemente non sazie di 1,8 miliardi di utili nel ramo danni in un anno. Il Governo Letta, resosi all’ultimo conto della puttanata che stava combinando, aveva sputato nel gabinetto quell’obbrobrio di articolo 8. Partita finita? Macché.

Renzi inizia malissimo e nella sua squadra chiama Simona Vicari. Ed ecco allora che tutto è pronto per il secondo attacco contro gli automobilisti (in cui diritti sarebbero stati calpestati dall’articolo otto) e contro i carrozzieri indipendenti (vere vittime di quelle norme). Il giorno dopo lo stralcio dell’articolo dell’articolo 8, arriva un disegno legge Rca che fotocopia l’articolo 8. E già questa è una roba tristissima. Ma soprattutto, adesso che c’è ancora la Vicari, la seconda ondata, su spinta violenta della lobby delle Assicurazioni, sta per partire.

Come andrà a finire? Un pronostico. Alle Assicurazioni o cercano di regalare l’articolo 8 sotto forma di disegno legge Rca, oppure tenteranno di piantare una bella legge che rivede al ribasso i parametri per le lesioni gravi. La lobby delle Compagnie pressa. E Renzi, sin dalle prime battute, non pare molto resiliente. Ma attendo a esprimermi.

di Ezio Notte @ 00:00


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. PERITI ASSICURATIVI,Terzi ed IMPARZIALI,come in Francia,Germania,Svizzera.Democratici,autonomi,INDIPENDENTI fuori dal circuito delle Imprese di assicurazioni,al SERVIZIO del Cittadino-Consumatore,libera SCELTA del Perito RCauto come in Europa.

    Commento by antonio massimo feroleto — 8 marzo 2014 @ 18:06

  2. Ma nessuno, chiede alle assicurazioni l’entità dei costi dei sinistri pagati divisi in R.C R e inR.C.D, Perché OGGI LE ASSICURAZIONI HANNO IL PROBBLEMA DI DOVER PAGARE SINISTRI COME ,FURTO,ATTO VANDALICO,EVENTI NATURALI, ECC, che non hanno nulla da vedere con la R.C, classica, loro stipulano dei contratti privati con gli autisti ma vogliono che a pagargli eventi siano tutti quanti.
    QUESTA NON E’ LOBBY MA PURA DELINQUENZA CRIMINALE.
    se si valutano i sinistri auto (cioè la collisione tra veicoli circolanti ) si noterà che sono calati di almeno un 40% a livello nazionale, se dividiamo le regioni si noterà che alcune sono diminuiti di oltre il 60%. ma di quali costi stanno parlando allora le assicurazioni? perché non dichiarano quanto guadagnano nel fornire i ricambi ai carrozzieri, o quanto risparmiano con le loro carrozzerie convenzionate, con i loro dottori convenzionati ecc.

    Commento by Mario Picciotto — 10 marzo 2014 @ 12:51

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.