OmniAuto.it

26 dicembre 2013

Rca: caro Governo Letta, e il guardrail di Acqualonga?

Barriera di contenimento

C’è una notizia sfuggita a molti. Nel decreto Destinazione Italia, è presente una modifica ai massimali (l’importo massimo risarcibile) per i mezzi pesanti: “per i veicoli a motore  adibiti  al  trasporto  di  persone classificati nelle categorie M2 e M3 ai sensi  dell’articolo  47  del decreto legislativo 30 aprile 1992, recante  il  Nuovo  codice  della strada, i contratti devono essere stipulati per importi non inferiori a dieci milioni di euro  per  sinistro  per  i  danni  alla  persona, indipendentemente dal numero delle vittime, e a un  milione  di  euro per sinistro per i danni alle cose, indipendentemente dal numero  dei danneggiati”.

Ma perché questa modifica? Semplice: i parenti delle vittime della più grave disgrazia stradale italiana (viadotto di Acqualonga, sul tratto gestito da Autostrade per l’Italia) rischiano anche di non vedere un euro di risarcimento. Perché il massimale Rca era basso. Orbene, il Governo Letta ha alzato il massimale. Attenzione, non ha valore retroattivo, ma è un provvedimento giusto, per il futuro.

A dire il vero, io mi sarei aspettato un Governo molto più combattivo, duro, deciso. Specialmente dal ministero dei Trasporti di Maurizio Lupi mi attendevo una battaglia per la verità. Che cosa è successo quel giorno esattamente? Il guardrail ha aiutato l’autista Ciro Lametta? La barriere di contenimento ha svolto il proprio lavoro? Di chi sono le responsabilità del sinistro?

Su tutto questo, invece, è calato il silenzio. Peccato. Sarebbe stata un’occasione valida anche per parlare di tutti i guardrail della rete autostradale, non solo di quel tratto. Pazienza.

Ho visto invece un Esecutivo molto combattivo sul tema Rc auto-carrozzieri: tutto quello che l’Ania (la Confindustria delle Assicurazioni) desiderava da anni, è stato realizzato. A partire dalla norma che consente all’Assicurazione di girare il cliente danneggiato verso il carrozziere fiduciario. Evidentemente, è questione di sensibilità: il Governo Letta ha voluto essere molto attivo in questo campo, e meno in altri.

di Ezio Notte @ 12:13


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. Concordo!

    Commento by Mirko Melozzi — 27 dicembre 2013 @ 14:24

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.