OmniAuto.it

5 novembre 2009

Ricorso contro il Photored? Prudenza

4800831_ccc91cf769

Un rosso da 150 euro

È uno degli aggeggi più contestati dagli automobilisti, anche se in realtà nel mirino si dovrebbero mettere i Comuni che lo usano male, e non l’apparecchio stesso: parliamo del Photored, diavoleria elettronica che fotografa chi passa col semaforo rosso. La multa è di 150 euro, più le spese di notifica (altri 10-15 euro, così si arriva a 160-165), più il taglio di sei punti della patente.

In sé il Photored, quando utilizzato con intelligenza, può anche essere utile per la sicurezza stradale. Basta regolare la durata della luce gialla del semaforo con un criterio equo e imparziale, consentire al guidatore di sgomberare l’incrocio in modo rapido, e multare solo chi effettivamente passa col rosso, mettendo a repentaglio la vita degli altri e propria. Il guaio è che il Codice della strada non prescrive la durata del giallo, che è a discrezione dei Comuni: risultato, è sufficiente un giallo di un paio di secondi striminziti perché i malcapitati attraversino l’incrocio con il rosso e vengano sanzionati.

È di poche ore fa la notizia secondo cui la Cassazione avrebbe detto: i Photored sono in regola solo se c’è un Vigile sul posto. Quei dispositivi non potrebbero funzionare da sé, ma esclusivamente in presenza di un agente della Polizia municipale. Già vediamo decine di siti Internet che distribuiscono un facsimile di ricorso a migliaia di automobilisti indemoniati per fare ricorso al Prefetto contro le multe date col Photored senza Vigile. In realtà, serve molta cautela.

Non c’è la certezza che la Cassazione, con quest’ultima sentenza, abbia voluto mettere ko tutti i Photored. È possibile che gli unici apparecchi cui la Cassazione si riferisce siano di un certo tipo: i Photored che scattano una foto sola. In questo caso, i Photored che scattano due foto sono in regola e possono funzionare anche senza un Vigile.

E i Photored che eseguono solo uno scatto di fotografia per ogni veicolo transitante col rosso sono pochi. Si tratta di apparecchi vecchi. Invece, i Photored che scattano due foto sono quelli più diffusi.

Quindi piano coi ricorsi al Prefetto: chi perde paga il doppio della multa. E, in caso di sconfitta, non potete certo raccontare al Prefetto che i mass media davano per sicura la vostra vittoria dopo la sentenza della Cassazione…

Stiamo approfondendo la questione Photored-Cassazione: continuate a seguirci e vi daremi altri dettagli.

foto flickr.com/photos/lorentey

di Ezio Notte @ 10:43


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. […] semaforo rosso) potrebbero funzionare soltanto in presenza di un Vigile. Ve ne abbiamo accennato qui promettendovi che saremmo tornati sull’argomento. È una bufala grossa come una casa, presente […]

    Pingback by Servizio antibufala: il Photored vale anche senza Vigili | Automobilista.it — 6 novembre 2009 @ 21:56

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.