OmniAuto.it

13 marzo 2010

Risarcimenti Rc auto, è delirio

Indennizzo diretto, che confusione!

Indennizzo diretto, che confusione!

Prima ci dicono che con l’indennizzo diretto (cioè con la procedura nata per farti rimborsare sempre dalla tua Compagnia in caso di incidente) i risarcimenti da parte delle Assicurazioni sono più rapidi; poi ci raccontano che no, non è vero: i rimborsi devono velocizzarsi parecchio. E prim’ancora ci narravano che, con l’indennizzo diretto (introdotto nel febbraio 2007), le tariffe Rca sarebbero calate; poi si correggono, sostenendo che in effetti le Rca salgono, nonostante tutto. Nel mezzo di questa tempesta ormonale c’è lui, quel poveretto di automobilista assicurato, che si vede sballottare da una parte all’altra, nella speranza di spendere qualche euro in meno, e di vedersi riconosce risarcimenti equi e rapidi.

La verità è che l’indennizzo diretto fa acqua da tutte le parti. Già la Corte costituzionale l’ha preso a ceffoni, stabilendo che non è obbligatorio. Poi non ha portato alcun risultato tangibile a favore degli assicurati.

Alla fine della fiera, ci pare che a guadagnarci siano state solo le Assicurazioni: sono loro a dare il risarcimento e a difendere il proprio cliente. Un bel paradosso: io ti devo i soldi e ti assisto affinché tu ne abbia tanti e in fretta. Un cortocircuito che solo in una Paese come l’Italia poteva verificarsi. Oltretutto, se e quando la legge dell’indennizzo diretto finirà nel water, le Compagnie potranno sempre dire: è stato il Governo a introdurre quelle norme, non noi.

foto flickr.com/photos/oxborrow

di Ezio Notte @ 23:35


4 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 4 Commenti

  1. Gentile Ezio Notte
    mi sorge un dubbio: e se eliminassimo il concorso di colpa?
    Non mi fraintenda e non inserisca un discorso giuridico. Ma per principio , in un incidente paga chi ha commesso l’errore più grave . Ovviamente secondo un codice della strada , giusto , onesto , leggibile e che non dia adito ad assurde interpretazioni.

    Commento by riccardo — 14 marzo 2010 @ 14:45

  2. […] arrivano numerose mail da parte di voi lettori: oggetto, la lentezza dei risarcimenti delle Assicurazioni in caso di infortunio dopo un incidente stradale. Quelle lesioni di piccolo […]

    Pingback by Risarcimento delle lesioni fisiche: quanto tempo ci hanno messo le Assicurazioni a pagarvi? | Automobilista.it — 14 marzo 2010 @ 20:10

  3. @Riccardo… sono d’accordo!

    Commento by Sara — 15 marzo 2010 @ 09:49

  4. Preg.mo Ezio,Siamo vittime di un sistema molto piu’ grande di quanto si possa immaginare. Le soluzioni ci sarebbero e potrebbero essere “definitive”, ma in quel caso le assicurazioni non potrebbero piu ritoccare facilmente i bilanci e chiedere aumenti.

    Commento by Gennaro — 22 marzo 2010 @ 13:02

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.