OmniAuto.it

29 marzo 2010

Risarcimento lesioni fisiche: siete pregati di farvi pagare tutto

Incidente? Non mettete la testa sotto la sabbia!

Incidente? Non mettete la testa sotto la sabbia!

Siete stati coinvolti senza colpa in un incidente stradale? Benvenuti nel Vietnam del risarcimento, dove essere rimborsati in modo equo e rapido diventa un inferno. In modo equo, cioè prendendo i soldi che vi spettano. In modo rapido, cioè nei limiti del buon senso, prim’ancora che nei limiti stabiliti dalla legge.

Perché siate indennizzati come si deve, fate valere, di fronte alla vostra Assicurazione che vi deve il denaro, qualsiasi danno. Ragionate: non esiste solo la lesione fisica in sé; ci sono anche diverse conseguenze negative.

a) Potevi attendere alla cura e all’igiene personale, nonostante le ferite?

b) Potevi lavarti qualsiasi parte del corpo (denti e unghie inclusi)?

c) Mangiavi, bevevi e digerivi come al solito o con grosse difficoltà?

d) Funzioni fisiologiche: non abbiate timore a parlarne. Siamo animali, con esigenze specifiche: problemi in toilette?

e) Vestirsi, spogliarsi, indossare e togliere calze e scarpe: tutto ok?

Si chiamano danni collaterali, che incidono negativamente anche sulla sfera psicologica della persona. Sono soldi, grazie.

foto flickr.com/photos/puroticorico

di Ezio Notte @ 21:32


3 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 3 Commenti

  1. […] avete scampo: l’indennizzo diretto è la tagliola assicurativa di questi […]

    Pingback by Indennizzo diretto: veniamo stritolati nella camera di compensazione | Automobilista.it — 29 marzo 2010 @ 21:52

  2. Per me che sono quotidianamente a trattare i danni a cose e le lesioni fisiche c/o le compagnie vi dico che quello che avete scritto e’ solo la punta dell’iceberg. Ci sono trattazioni grottesche, interlocutori improvvisati; ormai le compagnie si affidano ai call center dedicati, e se sei fortunato e ti attacchi al telefono dalla mattina alla sera forse riesci ad avere delle risposte che a volte si tramutano in domande da parte dell’operatore.
    Tanto le compagnie devono risparmiare, tolgono gli ispettorati sinistri ed un danneggiato di Palermo deve trattare telefonicamente il proprio danno con uno di Milano o giu’ di li’……………Riflettete bene, perche’ in televisione e sui giornali ci fanno credere che va tutto bene………
    Felice

    Commento by felice pastore — 30 marzo 2010 @ 13:39

  3. […] proposito di consigli per uscire vivi dal Vietnam dell’indennizzo diretto, ecco ancora qualche dritta molto attuale su come farsi risarcire il […]

    Pingback by La degenza per il sinistro: evidenziare, prego | Automobilista.it — 31 marzo 2010 @ 22:54

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.