OmniAuto.it

20 ottobre 2009

Roma, autovelox nascosti dietro le piante sulla Colombo? Ci vorrebbero supermulte ai Comuni…

Autovelox nascosti: una piaga italiana

Autovelox nascosti: una piaga italiana

Ricordate la recente “direttiva autovelox” del ministro dell’Interno ai Prefetti? Diceva: autovelox segnalati e visibili. Altrimenti, non valgono. La circolare ministeriale partiva da Roma, cuore politico della nazione, ma proprio dalla capitale molti lettori ci segnalano la presenza di autovelox nascosti.

La denuncia fa rabbrividire: sulla via Cristoforo Colombo, a Roma, pare ci siano autovelox nascosti dietro i pini marittimi e i cespugli dello spartitraffico. Si tenga conto che siamo su una delle arterie a veloce scorrimento della capitale: collega la città a Ostia, destinazione mare. Sì: per diversi motivi, c’è chi non rispetta i limiti. E questo è un guaio per la sicurezza. Però gli autovelox mimetizzati fanno piangere.

Efficienza e trasparenza, in questo caso, vanno a farsi benedire. A parte gli autovelox nascosti nella vegetazione, i lettori ci dicono anche che non ci sono cartelli di preavviso né dispositivi luminosi che indichino la presenza dei rilevatori di velocità.

Fra l’altro, per chi viene multato, è anche molto difficile fare ricorso al Giudice di pace. Serve la prova che quell’autovelox non fosse segnalato e che fosse invisibile. Al massimo, dopo aver ricevuto la multa a casa, un automobilista dovrebbe tornare sul “luogo del delitto”, scattare le foto della strada dove non ci sono cartelli e immortalare l’autovelox nascosto. Sempreché la “scena del crimine” nel frattempo (dall’infrazione alla notifica della sanzione a casa possono passare 150 giorni) sia intatta.

La vera rivoluzione, col nuovo Codice in discussione al Senato, sarebbe questa: una supermulta ai Comuni che non rispettano le norme sull’uso degli autovelox. Siete d’accordo?

foto flickr.com/photos/chant3

di Ezio Notte @ 09:05


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.