OmniAuto.it

30 agosto 2011

Salta l’Iva. Se no sarebbe saltato il settore automotive

L'Iva che salta

Alla fine, l’Iva resta al 20%. Che è già pesante per il settore automotive, ma che se portata al 21% avrebbe comportato aumenti tremendi per il listino auto. Adesso il mercato in Italia va malissimo, siamo ai minimi; figuriamoci con una tassazione ancora più massiccia. Ci sarebbero state ripercussioni per l’occupazione.

Comunque, eravamo e siamo conciati male. Oltre 30 Province hanno alzato la tassa sulla Rca dal 12,5 al 16%, e l’Ipt più costosa rischia di diventare una mazzata colossale per il mercato del nuovo.

Gli italiani se ne accorgeranno fra qualche settimana, quando il ritorno alla routine quotidiana si sarà completato.

Resta qualche spicciolo per incentivare l’auto elettrica. Anche se il primo Produttore nazionale, Fiat, resta fuori dai giochi, non avendo macchine a batteria.

foto flickr.com/photos/buho30

di Ezio Notte @ 00:01


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.