OmniAuto.it

31 maggio 2010

Salve, sono il denaro incassato dai Comuni con le multe: voi sapete dove vado a finire?

I dollarozzi delle multe: che goduria

I dollarozzi delle multe: che goduria

I soldi delle multe date dai Comuni (con autovelox, T-Red, Photored, e altre telecamere) dove devono finire?

Dice l’articolo 208 del Codice della strada:

Una quota pari al 50 per cento dei proventi è devoluta per consentire agli organi di Polizia locale di effettuare, nelle scuole di ogni ordine e grado, corsi didattici;

al miglioramento della circolazione sulle strade, al potenziamento e miglioramento della segnaletica stradale, e alla fornitura di mezzi tecnici necessari per i servizi di Polizia stradale di loro competenza e alla realizzazione di interventi a favore della mobilità ciclistica;

in misura non inferiore al 10 per cento, a interventi per la sicurezza stradale, in particolare a tutela degli utenti deboli (pedoni, ciclisti, bambini, anziani, disabili).

Benissimo. Il vero problema non è quello che prescrive il Codice della strada; ma i controlli nei confronti dei Comuni, la verifica che il denaro migliori davvero la sicurezza stradale e non serva solo a fare cassa per ripianare i debiti, pagare gli alti stipendi e le consulenze d’oro.

Questo è un tumore che sbrana la vecchia cara Italia. Infatti, nel nuovo Codice della strada (chissà se arriverà mai), c’è un aumento della sanzione a carico del Comune che non invia la rendicontazione a chi di dovere, oppure che usa i fondi in maniera diversa dalle previsioni normative.

Forse, più che il Codice della strada, è Dante Alighieri a illuminarci col suo intuito. Dal Purgatorio, Canto VI, 76-78  (1304-1320): Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di provincie, ma bordello!

foto flickr.com/photos/amagill

di Ezio Notte @ 00:01


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. Purtroppo Dante aveva previsto tutto. E dire che i nostri campioni di studenti , quando lo nomini, sbuffano. Con molta probabilità i sindaci di tanti comuni non fanno parte di “provincie ,ma di bordello” . In primis ci aggiungo io , quello di Fiumicino!!!!

    Commento by roberto — 1 giugno 2010 @ 13:52

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.