OmniAuto.it

9 aprile 2010

Santoliquido (Sara Assicurazioni) vuole limitare fortemente i risarcimenti per le microlesioni? Bene. Allora le tariffe Rc auto devono scendere del 75%!

Prima vedere cammello, poi via le microlesioni

Prima vedere cammello, poi via le microlesioni

Sul “Sole 24 Ore”, leggiamo che Alessandro Santoliquido, direttore generale di Sara Assicurazioni, ha un’idea per abbassare i costi a carico delle Compagnie: limitando fortemente i risarcimenti per i primi punti d’invalidità non rilevabili clinicamente (dal 1° al 3°), le tariffe Rc auto potrebbero diminuire di quasi un terzo.

Di che parliamo? Delle lesioni fisiche che sono al centro delle truffe, specie a Napoli e Caserta: microlesioni da poche migliaia di euro. Che indubbiamente pesano sul bilancio delle Assicurazioni. Tanto da far chiudere le agenzie in alcune aree particolarmente calde del Sud.

Noi di Automobilista.it apprezziamo che esistano manager desiderosi di abbassare le tariffe Rc auto. Pur tuttavia, il 30% di sconto in cambio del mancato risarcimento delle microlesioni ci lascia perplessi. Anzi, per dirla tutta, ci atterrisce. Anche se di sicuro quella percentuale emerge non per magia, ma dopo una serie di studi approfonditi.

Rilanciamo. Via le microlesioni, va bene. Però le Assicurazioni facciano calare le tariffe del 75%. Così si ragiona meglio. Anche perché le Compagnie sono insaziabili: già in passato, più d’una volta, le tabelle che fissano i parametri dei risarcimenti delle lesioni sono state riviste al ribasso. Di questo passo, un braccio rotto varrà quanto uno straccio usato…

foto flickr.com/photos/ncarey

di Ezio Notte @ 23:33


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. […] […] le lesioni fisiche sono sempre più costose. Colpa della nuova tabella dei risarcimenti. Il Tribunale di Milano fa da caposcuola: viene poi […]

    Pingback by Caro-Rc auto: l’Antitrust indaga? Il comunicato Ania (Assicurazioni) tradotto per voi | Automobilista.it — 18 maggio 2010 @ 22:33

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.