OmniAuto.it

4 marzo 2010

Sei un automobilista povero? E allora devi morire senza fare ricorso

Il peso della burocrazia

Il peso della burocrazia

La tassa di 38 euro per fare ricorso al Giudice di pace ci fa schifo. A nostro giudizio, lede la Costituzione, in relazione all’articolo 2, comma 212 della Legge 23 dicembre 2009, numero 191 (Legge finanziaria).

L’obbligo di corrispondere il contributo unificato (il balzello di 30 euro, più otto euro di forfait) ai fini della presentazione di un ricorso riduce drasticamente il numero dei procedimenti giurisdizionali in materia, rappresenta una grave disparità di trattamento tra i cittadini, precludendo ai non abbienti di proporre le proprie ragioni in sede giudiziaria. Chi ha i quattrini fa ricorso; chi è povero in canna si fotte.

Il principio secondo il quale tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento: deve trovare attuazione uguale per tutti, indipendentemente da ogni differenza di condizioni personali e sociali.

Il nuovo sistema istitutivo del contributo unificato determina un’ingiustificata differenza tra i due mezzi di opposizione (Giudice di pace “da pagare” e Prefetto “gratuito”), rendendo evidente che il ricorso avanti il Giudice di pace diventa di fatto uno strumento di tutela fruibile solo dai soggetti più facoltosi: c’è la violazione anche del secondo comma dell’articolo 3 della Costituzione, dato che fa carico alla Repubblica di rimuovere, e non già creare, ostacoli all’eguaglianza sostanziale dei cittadini.

foto flickr.com/photos/myklroventine

di Ezio Notte @ 23:15


3 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 3 Commenti

  1. Bhè è lo specchio evidente del nostro governo o meglio di una determinata situazione che sta stabilmente formandosi nelle teste vuote dei cittadini. Chi ha fà , chi non ha si sottomette…..
    purtroppo è così!

    Commento by fabio — 5 marzo 2010 @ 17:01

  2. […] fai ricorso al Giudice di pace, devi sborsare 38 euro: così vuole la Finanziaria 2010 in vigore da inizio anno. Chi è sicuro di vincere rivedrà mai i […]

    Pingback by Soldi del ricorso restituiti dal Comune? È più facile che un cammello passi per la cruna d’un ago | Automobilista.it — 6 marzo 2010 @ 18:01

  3. […] civiltà d’una nazione si misura anche da come un automobilista può difendersi contro i soprusi della Pubblica amministrazione. E invece, da noi, il ricorso a pagamento è una buffonata italiana: […]

    Pingback by Tassa sul ricorso: c’è incertezza pure sull’entità del balzello! | Automobilista.it — 30 marzo 2010 @ 22:05

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.